La dott.ssa Lazzarini presenta la tesi “Impiego pediatrico del protossido d’azoto nell’analgesia e prevenzione del dolore da procedura”

NurseTimes è l’unica Testata Giornalistica Sanitaria Italiana (Reg. Trib. Bari n. 4 del 31/03/2015) gestita da Infermieri, quotidiano divenuto il punto di riferimento per tutte le professioni sanitarie.

Sono numerose le tesi di laurea che ci inviate e che arricchiscono il nostro progetto editoriale denominato NeXT che permette ai neolaureati in medicina, infermieristica e a tutti i professionisti della sanità di poter pubblicare la loro tesi di laurea sul nostro portale (redazione@nursetimes.org)

La dott.ssa Lazzarini Ilaria, laureatasi presso l’Università “Alma Mater Studiorum” di Bologna, presenta ai nostri lettori la tesi dal titolo “Impiego pediatrico del protossido d’azoto (N2O) nell’analgesia e nella prevenzione del dolore da procedura”.

Il dolore procedurale per i bambini può risultare un’esperienza traumatica che può portare il bambino a sviluppare in futuro ansia e disagio durante procedure analoghe, fino a spingerlo a adottare comportamenti evitanti le cure mediche anche in età adulta.

Per alleviare il dolore e l’ansia da procedura si possono mettere in atto metodi cognitivi e comportamentali che hanno lo scopo di distogliere l’attenzione dal dolore e di modificare alcuni fattori emozionali, comportamentali, familiari e situazionali che interferiscono con la risposta del bambino alla sintomatologia dolorosa.

Esistono però anche tecniche farmacologiche più o meno impiegate ed alcune persino di antica data come l’utilizzo del protossido d’azoto. Questo è noto come gas esilarante o nitroso, viene utilizzato in genere in miscela con ossigeno al 50% e grazie alla bassa solubilità nel sangue agisce molto rapidamente e, sembra, in maniera efficace.

Questa revisione di letteratura è incentrata proprio sui benefici dell’analgesia conscia del bambino con protossido d’azoto nel dolore da procedura.

Background

Il protossido d’azoto è un farmaco impiegato nell’analgesia in corso di procedure mediche invasive da molto tempo. L’impiego in ambito pediatrico potrebbe risultare particolarmente utile per le caratteristiche di rapidità e innocuità che solitamente vengono attribuite a questo gas. Tuttavia, l’efficacia nelle cure dei bambini e la sua sicurezza in termini di dosaggio e di interazione con altri farmaci analgesici richiedono più approfondite considerazioni.

Metodi e strumenti

È stata effettuata una revisione di letteratura nelle banche dati Cinahl, ProQuest, PubMed. Da un numero iniziale di 716 articoli, sono identificati 7 articoli che soddisfano i criteri di inclusione di cui un case report; uno studio randomizzato controllato; una comparazione di linee guida; uno studio qualitativo; tre studi osservazionali di cui due prospettici e uno retrospettivo.

Risultati

Dalla comparazione degli studi emerge che l’uso del protossido d’azoto per la analgesia nei bambini è efficace; utile anche in termini di riduzione dell’ansia, in quanto rende i pazienti meno agitati e più collaborativi durante una procedura. L’efficienza del farmaco è data, anche, dalla sua rapidità di azione e smaltimento, che porta a una riduzione del tempo di attesa e permanenza in ospedale.

L’effetto analgesico risulta potenziato se affiancato ad altri farmaci analgesici; è stato principalmente utilizzato per inserimento di accessi venosi, venipunture, punture lombari e medicazione o riparazione di ferite. Risulta un farmaco sicuro sia per i pazienti, per gli scarsi e lievi eventi avversi, principalmente nausea e vomito, sia per gli operatori in quanto viene somministrato attraverso una maschera dotata di una valvola di sicurezza che non disperde il gas durante l’espirazione.

Discussione e conclusioni

Dalle evidenze reperite si può concludere che il protossido d’azoto sia efficace per la riduzione dell’ansia; con scarsi e lievi eventi avversi, sicuro per pazienti e operatori; di facile e indolore somministrazione; ad azione e smaltimento rapido, con limitato effetto analgesico se somministrato da solo; per procedure di breve durata d’azione (circa 15 minuti).

Di maggiore efficacia risulta l’associazione con fentanyl o ketamina: quest’ultima in particolare richiede maggior prudenza ed attenzione da parte degli operatori per la diversità e lievemente maggior gravità degli eventi avversi.

Lazzarini Ilaria

Allegato

Tesi “Impiego pediatrico del protossido d’azoto (N2O) nell’analgesia e nella prevenzione del dolore da procedura”

Ultimi articoli pubblicati
Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Coronavirus, la proposta della Fnopi per un cambio di passo nella campagna vaccinale

Investendo sui professionisti, secondo la Federazione, il raggiungimento degli obiettivi è garantito. Ecco perché. Tempi:…

13 minuti ago

Coronavirus, la Sardegna si “difende”: test obbligatorio per chi arriva

Lo stabilisce un'ordinanza del governatore Salinas. Da oggi fino al 24 marzo sono previsti Covid…

43 minuti ago

Cosenza, si apre uno spiraglio per il concorso oss dopo il sit-in di protesta?

Il commissario dell'Azienda ospedaliera ha incontrato i manifestamti, promettendo loro di sbloccare la situazione. Giovedì…

1 ora ago

Napoli, infermiera aggredita al Santobono. Opi: “Ci costituiremo parte civile”

La responsabile è stata denunciata per minacce e lesioni. Opi Napoli stigmatizza con forza l’ennesimo…

2 ore ago

Coronavirus, Speranza: “Verso nuove zone rosse. Accelerazione sui vaccini”

Le previsioni del ministro della Salute nel cotrso della trasmissione Mezz'ora in più. “Questo è…

2 ore ago

Aspetti di etica nella sperimentazione di vaccini anti-COVID-19

È stato pubblicato il Rapporto ISS COVID-19 “Aspetti di etica nella sperimentazione di vaccini anti-COVID-19”,…

15 ore ago