La lettera aperta di Uil Fpl Bologna

Riceviamo e pubblichiamo la lettera aperta di Uil Fpl. Al Direttore Generale AOSP Bologna Al Commissario Ausl Bologna Dott.ssa Chiara Gibertoni Gent.ma Dott.ssa Gibertoni, abbiamo…

Riceviamo e pubblichiamo la lettera aperta di Uil Fpl.

Al Direttore Generale AOSP Bologna

Al Commissario Ausl Bologna

Dott.ssa Chiara Gibertoni

Gent.ma Dott.ssa Gibertoni,

abbiamo avuto occasione di leggere attentamente la comunicazione che ha inviato a tutti i dipendenti dell’Ausl di Bologna e dell’Azienda Ospedaliera S.Orsola Malpighi.

Premesso che ci lascia perplessi la sua necessitĂ  di evidenziare la negativitĂ  di situazioni di protagonismo, furbizie o polemiche astiose di piccolo cabotaggio che a noi non risulta siano i comportamenti a cui si orientano le volontĂ  di migliaia di dipendenti che garantiscono quotidianamente il buon funzionamento della nostra sanitĂ , riteniamo, nel contesto della rappresentanza e della tutela del personale che compete contrattualmente alla scrivente, sottoporle alcune brevi riflessioni.

Condividiamo in pieno con lei che il momento sia critico e che richieda l’impegno di tutti, impegno che da sempre contraddistingue i dipendenti delle aziende sanitarie di Bologna, grazie ai quali, come lei ricorda, il nostro territorio si caratterizza per un servizio pubblico di eccellente qualità e di riferimento nel panorama regionale e nazionale.

Fin dai primi momenti dell’emergenza gli operatori del comparto sanità, nonostante l’incertezza e la paura per loro stessi e per le loro famiglie, hanno continuato ad operare a testa bassa, con grande senso di responsabilità e dedizione nonostante le avversità e i rischi, sopperendo a tutte le carenze, logistiche ed organizzative che anni di tagli hanno portato al sistema sanitario Bolognese, tagli effettuati da chi in epoca Pre Covid ha perseguito logiche di “efficienza” senza considerare in pieno quanto questo avrebbe intaccato l’efficacia e la resilienza del sistema.

Esistono infatti compatibilitĂ  economiche ma allo stesso tempo sono da considerarsi alla stessa stregua le compatibilitĂ  sociali e queste due istanze vanno perseguite parallelamente.
Condividiamo con lei che questa sia è la più grande tragedia dal dopo guerra ad oggi, ma la storia ci insegna che negli anni a seguire l’Italia si affermò come settima potenza mondiale produttiva grazie alle politiche di investimento economico ed al confronto tra le parti sociali; concetto che avremmo gradito fosse emerso nel suo appello al personale dipendente.

La necessitĂ  di essere il piĂš celeri possibili rispetto alle prospettive della costruzione di un nuovo assetto logistico e una rinnovata offerta ed organizzazione dei servizi sanitari alle collettivitĂ  locali necessita, in ogni caso, di un indispensabile confronto prioritariamente sul versante della programmazione e successivamente su quello della gestione.

La Regione, le Istituzioni Locali, attraverso gli strumenti che la legislazione di riferimento consegna in particolare a queste ultime non devono offrire, a nostro modesto parere “un contributo”, quanto assumere decisioni e scelte per l’immediato e per la migliore prospettiva le quali sono poi oggetto, come da lei evidenziato della traduzione operativa in termini gestionali.

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Regionali Puglia, l’epidemiologo Lopalco sarà assessore alla Sanità

L’epidemiologo Pier Luigi Lopalco sarĂ  il prossimo assessore alla SanitĂ  della Regione Puglia. Lo studioso…

33 minuti ago

Palermo, Maria Eleonora Hospital all’avanguardia nella chirurgia mininvasiva

L'ospedale del capoluogo siciliano è tra i pochi a proporre la procedura Tevar. I progressi…

35 minuti ago

Washington, la storia dell’ultracentenaria invincibile: dopo l’influenza spagnola, sconfigge il Covid

Marilee Shapiro Asher, artista di 107 anni, è sopravvissuta a un'altra pandemia. Si chiama Marilee…

2 ore ago

Ginevra, infermieri in piazza: chiesta modifica del piano orario

Al centro delle rivendicazioni, l'imposizione della pausa di un'ora a metĂ  giornata negli Ospedali universitari…

3 ore ago

Roma, morte di mamma e figlia dopo il parto: indagati due medici

L'episodio si è verificato nel novembre 2019 all'ospedale Sant'Eugenio. Per il pm sarebbe stato fatale…

4 ore ago

Udine, protesta in piazza contro le liste d’attesa infinite

La manifestazione è stata organizzata dall’Associazione di tutela diritti del malato. A Udine la gente…

4 ore ago