La sindrome di Münchhausen: ipocondria umana o patologia psichiatrica materna?

La sindrome di Münchhausen è un disordine psichico categorizzato nel DSM-5 alla categoria del “Disturbo da sintomi somatici e disturbi correlati” La condizione di mental disorder che innesca…

La sindrome di Münchhausen è un disordine psichico categorizzato nel DSM-5 alla categoria del “Disturbo da sintomi somatici e disturbi correlati”

La condizione di mental disorder che innesca nel momento in cui la persona ha necessità di attenzioni e tenderebbe a denunciare condizioni patologiche inesistenti o aggravamento di quelle già presentate.

In sostanza tale disturbo psichiatrico spinge le persone affette a riferire una malattia, inesistente, o addirittura un trauma psicologico per attirare attenzione e simpatia verso di sé.

La diagnosi di questa sindrome non è immediata; bensì la risultante di diversi esami eseguiti e risultati negativi associati ad accessi presso ambulatorio medico o pronto soccorso in misura  elevata.

La persona che è affetta da tale disturbo è solitamente una persona sola, in cerca di attenzioni che pur  di essere accudita arriva ad auto-lesionarsi per attrarre attenzioni e ricevere assistenza diretta da un’altra persona (personale sanitario e non).

Gli accessi seriali a punti di primo intervento (PPI) o presso lo studio del Medico di Medicina Generale (MMG) possono rivelare, qualora vengano escluse tutte le potenziali patologie che potrebbero interessare il paziente, depongono per la sindrome di Münchhausen.

Purtroppo coloro i quali sono affetti dalla sindrome in questione potrebbero diventare pericolosi per se stessi o per gli altri.

Il caso di Marybeth Roe Tinning ne è un esempio; questa madre fu arrestata, e confessò, l’omicidio dell’ultima figlia, e anche di altri 2 dei suoi bambini!

La storia risale agli anni settanta; ma vent’anni dopo negli USA ci fu il caso di Kathleen Bush che faceva ammalare la figlia di sette anni somministrandole sostanze tossiche e contaminando con materiale fecale la flebo che la alimentava.

Ciò che spingeva questa madre ad un atteggiamento così sconsiderato fu il bisogno patologico di essere considerata una buona madre;

 instancabile nel provvedere ai bisogni della figlia.

Altro fatto di croncaca nera è quell o che riguarda la signora Lacey Spears; condannata a 20 anni di prigione per aver provocato la morte del figlio di 5 anni.

La madre, fin da quando suo figlio era molto piccolo, portatore di sondino nasogastrico, aggiungeva sistematicamente sale per farlo star male per ottenere attenzione mediatica (era solita postare su Facebook foto del bambino malato!!!!).

Secondo quanto riportato dal prestigioso istituto “Miller” di psicologia e psicoterapia cognitivo comportamentale “le madri affette da questo disturbo mettono in moto un processo di convincimento per far credere al bambino di soffrire veramente di una malattia, possono anche arrivare a drogarlo, somministrargli sostanze nocive e velenose” .

Scorrendo tra le riga si legge ancora che “alcune caratteristiche di queste madri: nell’immaginario comune possono essere viste come dei mostri, egocentriche e non curanti del prossimo, mentre tali madri sono tipicamente colte, talvolta con una formazione di tipo infermieristico o comunque sanitario (anche se non laureate), molto collaborative [……].Appaiono come un esempio del genitore ideale, preoccupato e amorevole nei confronti del piccolo”

Da analisi  di ricerca emergerebbe che la responsabile nel 90% dei casi  sembrerebbe essere la madre (State of mind, 2014).

Infatti le madri affette da Sindrome di Munchanusen rivelano anche alcuni aspetti patologici, come: paranoia, convinzioni maniacali circa gli ipotetici problemi di salute dei loro bambini, e una personalità sociopatica.

Inoltre, non è insolito che queste donne siano state, a loro volta, vittime di abusi durante l’infanzia, da parte dei genitori.

 

CALABRESE Michele

 

Fonte:

www.istitutomiller.it

www.counselingitalia.it

www.rompereilsilenziolavocedeibambini.it

 

 

Michele Calabrese

Infermiere Magistrale in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche, docente a corsi di formazione rivolti a personale sanitario e laico, in regime residenziale e non. Responsabile Scientifico, Moderatore e/o Relatore ad eventi, seminari e congressi. Infermiere presso P.T.S. 118 "Basilicata Soccorso", postazione INDIA. Revisore dei Conti e componente di Commissioni esterne Ordine delle Professioni Infermieristiche Barletta-Andria-Trani (O.P.I. BAT). Presidente Associazione Provinciale C.N.A.I. BAT (Consociazione Nazionale Associazioni Infermiere/i della BAT). Formatore O.S.S. ai sensi del DLgsR Puglia. Docente a contratto

Leave a Comment
Share
Published by
Michele Calabrese

Recent Posts

Scuole in ospedale, dopo il Covid non riaprono in Lombardia

Le scuole in ospedale non son solamente, per i piccoli pazienti, un luogo e un…

42 minuti ago

Riforma del sistema ECM: “Accostare a sanzioni sistema premiante”

"Accostare a sanzioni sistema premiante, come uno sconto sui premi assicurativi" questa è l'idea del…

2 ore ago

Cellulite: i benefici delle calze a compressione graduata

La terapia compressiva aiuta a pompare e a svuotare i vasi sanguigni, garantendo una buona…

2 ore ago

Piemonte: intesa tra gli psicologi e le scuole

Siglato il Protocollo di Intesa tra l’Ordine degli Psicologi del Piemonte e l’Ufficio Scolastico Regionale…

3 ore ago

Soccorsi in alta quota ultra rapidi grazie alla Tuta Jet per infermieri e medici

Un avveniristico jet pack integrato nell’uniforme degli infermieri e dei medici che si occupano di…

3 ore ago

Farmaci in gravidanza, presentato il Rapporto OsMed

Il documento dell'Osservatorio Aifa sull’impiego dei medicinali "costituisce un patrimonio informativo da utilizzare sul territorio…

4 ore ago