L’azienda sanitaria Toscana Sud Est assume 85 infermieri, Nursind avvisa: “Ne servono almeno 250”

Il responsabile territoriale del sindacato autonomo, Claudio Cullurà, apprezza il cambio di passo dell'azienda. "Ma sono ancora tante le questioni da risolvere"   AREZZO –…

Il responsabile territoriale del sindacato autonomo, Claudio Cullurà, apprezza il cambio di passo dell’azienda. “Ma sono ancora tante le questioni da risolvere”

 

AREZZO – L’apertura c’è ma con riserva: perché a conti fatti restano discrepanze tra le proposte dell’Azienda Sanitaria Toscana Sud Est e le necessità di un territorio che abbraccia le città di Arezzo, Siena e Grosseto. Ad esprimere questa posizione attendista ma non del tutto critica è il sindacato autonomo degli infermieri Nursind. “Apprezziamo che si torni a trattare su argomenti tabù come la dotazione organica, ma vigileremo su tempi e modi di attuazione del piano di assunzioni presentazione dall’Azienda Sanitaria” dichiara Claudio Cullurà che del Nursind è responsabile territoriale. Quella che, per certi versi, è una buona notizia va però maneggiata con cura perché, come ricorda Culluràgià in passato ci siamo arenati sulle distanze tra le richieste di parte sindacale e le proposte dell’Azienda”.

Intanto si è cominciato a discutere nei giorni scorsi e la prossima settimana inizieranno gli incontri con i vertici aziendali: sul tavolo della trattativa non ci sarà solo il piano assunzioni che, sostiene Nursind, “per l’Area vasta Toscana Sud-Est sono meno della metà del fabbisogno organico”. Le carenze strutturali sono soprattutto nei pronto soccorso e nelle sale operatorie delle strutture di Arezzo, Siena e Grosseto.

 

Claudio Cullurà, responsabile territoriale Nursind

Né bastano, a giudizio di Cullurà, le nuove assunzioni alle quali si sta procedendo in questi giorni: gli 86 infermieri immessi in ruolosono una cifra da rivedere se paragonata all’estensione e alla popolazione dell’area della nuova azienda” sostiene il responsabile territoriale di Nursind. “Secondo le nostre stime – ragione Cullurà – sono almeno 250 i posti da coprire, solo per quel che riguarda il settore infermieristico”.

A cui si aggiunge il personale di supporto: “Il piano prevede l’assunzione di 50 operatori socio sanitari, un numero insufficiente a tamponare la perdurante carenza di personale nei veri reparti. Chiediamo – sottolinea Cullurà – quanto meno di allinearci ai numeri proposti dalle altre aziende toscane, come base di partenza per quanto riguarda i modelli di dotazione organica”.

Insomma, a giudizio di Nursind, il cambio di passo da parte dell’Azienda sanitaria c’è se è vero, come è vero, che sino a Natale la stessa sosteneva che non c’era alcuna lacuna da coprire sul piano del personale. La questione assunzioni resta centrale ma Cullurà non trascura altri temi di discussione che saranno al centro del confronto con i vertici aziendali: “C’è da risolvere la questione del mantenimento delle quote di produttività che non potrà essere penalizzante per nessuno dei lavoratori delle due ex aziende aretina e senese. E c’è la questione della mobilità interna ed interaziendale, con l’adozione di un nuovo regolamento unico. Senza dimenticare – conclude Cullurà – la trattativa sull’orario di lavoro, la trasparenza nell’affidamento degli incarichi di coordinamento e delle posizioni organizzative oltre all’accelerazione sulle assunzioni dal concorsone Estar”. Per questo l’apertura del sindacato c’è ma con riserva.

Salvatore Petrarolo

Foto: web

Salvatore Petrarolo

Leave a Comment
Share
Published by
Salvatore Petrarolo

Recent Posts

“Io, Covid positivo, speriamo che me la cavo”

Riceviamo e pubblichiamo le riflessioni di Antonio Savino, dottore in Scienze infermieristiche dell'Aorn Caserta -…

4 ore ago

Covid-19, arriva dalla Spagna una variante del virus

Si chiama 20A.EU1 ed è stata rilevata da ricercatori svizzeri. Arriva dalla Spagna, dove è…

4 ore ago

Chiusura delle scuole in Puglia, ma i genitori non ci stanno

"La chiusura delle scuole primarie in Puglia è un atto veramente ingiusto e ingiustificato" denunciano…

5 ore ago

Cancro colorettale, primo screening consigliato a 45 anni

Le nuove linee guida della USPSTF abbassano l’età, precedentemente fissata a 50 anni. “Nuovi elementi…

5 ore ago

Coronavirus, gli effetti neurologici sono ancora un mistero

I ricercatori cercano di scoprire i meccanismi alla base di questi problemi, ma non sono…

6 ore ago

Coronavirus, nuovo studio conferma: vaccino antinfluenzale frena il contagio

Esaminati i dati di circa 10.600 dipendenti del Radboud University Medical Center (Paesi Bassi). Da…

6 ore ago