Lista di attesa troppo lunga? Il paziente può richiedere la prestazione privatamente con onere a carico del Servizio Sanitario Nazionale

Il problema riguardante le lunghe liste di attesa della Sanità Pubblica potrebbe avere una soluzione piuttosto semplice

Il problema riguardante le lunghe liste di attesa della Sanità Pubblica potrebbe avere una soluzione piuttosto semplice

Riportiamo di seguito l’articolo proposto dall’avvocato Valeria Zeppilli, nel quale viene commentato il decreto legislativo che potrebbe risultare utile a molti cittadini.

Un decreto legislativo del 1998, precisamente il numero 124, detta delle direttive ben precise in materia di liste d’attesa.

In particolare, il comma 10 dell’articolo 3 sancisce che le Regioni sono tenute a disciplinare i criteri secondo i quali i direttori generali delle aziende unità sanitarie locali e ospedaliere devono determinare i tempi massimi che possono intercorrere tra la data in cui una prestazione viene richiesta e quella in cui la stessa è erogata.

Il medesimo articolo 3 prevede, peraltro, la possibilità per l’assistito di chiedere che la prestazione venga resa nell’ambito dell’attività libero-professionale intramuraria nel caso in cui l’attesa si prolunghi oltre il predetto limite massimo.

Addirittura, ma solo in subordine, deve ritenersi possibile ricorrere anche a prestazioni interamente private come tutela rispetto all’inadempienza dell’amministratore.

In entrambi i casi, la differenza di costi è posta a carico dell’azienda unità sanitaria locale di appartenenza e dell’azienda unità sanitaria locale nel cui ambito è richiesta la prestazione. Il cittadino si fa carico, invece, del solo costo del ticket.”

Il legale illustra le modalità adottate dalle Asl per ovviare a tale problema:

“Molte ASL stanno ricorrendo ad un illegittimo escamotage: quello di bloccare le liste d’attesa, non accettando le prenotazioni dei cittadini che vengono poste nella condizione di “attesa di entrare nella lista di attesa”.

Se, quindi, ci si trova di fronte a una lista d’attesa bloccata, è chiaro che si è dinanzi ad una situazione in cui l’azienda sanitaria non è in grado di ottemperare al suo dovere di garantire un’adeguata tempestività delle prestazioni da rendere.

Si tratta, in altre parole, di uno dei casi che danno diritto ad usufruire delle prestazioni in regime intramoenia o, in subordine, in regime privato pagando il solo costo del ticket e ponendo la differenza a carico della ASL.”

Di seguito proponiamo un modello proposto dall’avvocato Valeria Zeppilli:


Oggetto: istanza per usufruire di prestazioni in regime di attività libero-professionale

Io sottoscritto ___________ nato a ___________ il _____________ e residente in _______________ via ___________________ n. __ (C.F.: _____________________)

Premesso che

– in data _________ il medico dott. _________ mi ha prescritto il seguente accertamento _______;

– in data __________, dopo aver tentato di prenotare il predetto accertamento, mi è stata comunicata l’impossibilità di procedere alla prenotazione prima del _________;

– il predetto accertamento è tuttavia urgente e non può essere differito così a lungo;

– in forza del d.lgs. n. 124/1998 è mio diritto conoscere i tempi massimi intercorrenti tra la richiesta di prestazioni e la loro erogazione e usufruire, nel caso di impossibilità di rispettare i predetti tempi, di attività libero-professionali in regime intramoenia.

Tutto ciò premesso,

chiedo

che la prestazione da me richiesta sia resa in regime di attività libero-professionale intramuraria con onere a carico del servizio sanitario nazionale e che mi venga fornita tempestiva comunicazione in merito, avvisando che in difetto, la predetta prestazione verrà effettuata privatamente con successiva richiesta di rimborso a carico di codesta azienda.

Luogo, data

Firma

Allegati:

Copia richiesta di prestazione

Copia comunicazione CUP


Ci auguriamo che i consigli proposti dal Legale possano risolvere il problema dei tempi di attesa che, a volte, possono risultare davvero eccessivi in caso di determinate patologie.

Simone Gussoni

Fonte: studiocataldi.it

 

Articolo correlato

Liste d’attesa, la dimensione del fenomeno in Europa. Il modello portoghese batte tutti

 

 

 

Dott. Simone Gussoni

Il dott. Simone Gussoni è infermiere esperto in farmacovigilanza ed educazione sanitaria dal 2006. Autore del libro "Il Nursing Narrativo, nuovo approccio al paziente oncologico. Una testimonianza".

Leave a Comment
Share
Published by
Dott. Simone Gussoni

Recent Posts

Caserta, prefetto e ASL intervengono sulle elezioni dell’OPI

Dopo gli appelli di CISL FP, UIL FPL E NURSING UP, la ASL di Caserta…

5 ore ago

Casa di riposo in crisi: non ci sono infermieri

Le case di riposo sono in crisi, non ce la fanno a contenere il diffondersi…

5 ore ago

Servirebbero 23.268 Infermieri e non ci sono

Riceviamo e pubblichiamo la lettera alle redazione riguardante la situazione pandemica e le decisioni governative…

6 ore ago

Nursing Up: lunedì 2 novembre sciopero nazionale infermieri

Chiediamo RISPETTO: scioperiamo oggi per una sanità migliore da domani Lunedì 2 novembre a partire…

9 ore ago

FIALS, indicazioni in tema di obblighi vaccinali per gli operatori sanitari

Pubblichiamo la nota FIALS Puglia in riferimento alle ultime “Indicazioni in tema di obblighi vaccinali…

24 ore ago

SIMG su Covid19 – Medici di famiglia al servizio del Paese.

Cricelli: “Prevale forte il nostro senso del dovere, ma nessun medico di medicina generale sia…

24 ore ago