Coronavirus: la pelle può dirci molto

La nostra pelle può dirci molto della nostra salute, anche in caso di infezione di coronavirus ci sono delle manifestazioni cutanee associate alla specifica malattia.…

La nostra pelle può dirci molto della nostra salute, anche in caso di infezione di coronavirus ci sono delle manifestazioni cutanee associate alla specifica malattia. Geloni, eruzioni vescicolari e maculo-papulari, lesioni orticariodi e vasculitiche possono essere sintomi da collegarsi al Covid-19 e possono rappresentare un indice diagnostico, prognostico e terapeutico.

“In questi ultimi mesi si è abbondantemente parlato dei tradizionali sintomi che fanno sospettare la sindrome da Coronavirus – ha spiegato Andrea Ingegneri, specialista in dermatologia dell’Università di Pisa.

“Tutti conosciamo i segnali della sindrome simil influenzale quali febbre, rinofaringite, dispnea, tosse secca, perdita del gusto e dell’olfatto, cui poi possono seguire complicanze come la bronco polmonite, ma non teniamo in considerazione “allarmi” parimenti significativi che la cute può fornirci” ha continuato, riportato da “La Sicilia”.

Cinque le manifestazioni cutanee collegate al Covid-19

Sarebbero cinque le patologie cutanee più diffusamente collegate al coronavirus

. Prima di tutto i geloni (20% dei casi), legati a forme lievi e solitamente colpiscono i soggetti giovani. Poi, le eruzioni vescicolari (10%) spesso pruriginose, localizzate specie sul tronco e che si manifestano nelle viropatie di media gravità con durata di circa 10 giorni (prevalentemente nelle persone tra 40-50 anni). Inoltre ci sono le lesioni orticarioidi (20%), associate spesso al prurito, con durata media di 6-8 giorni (solitamente nelle forme più gravi). Ancora, si possono trovare eruzioni maculo-papulari, perifollicolari (nel 45% dei casi più gravi). Infine, anche lesioni vasculitiche (5%) per alterazione dei vasi sanguigni e manifestazioni livoidali e/o necrotiche sono, invece, più frequenti negli over 65.

“Tutti questi sintomi – spiega Ingegneri – possono comparire in diversi momenti della malattia, anche in associazione, e sono correlati alla diversa gravità, durata e forse a differenti significati prognostici”.

I giovani sono poco colpiti o spesso asintomatici, rappresentando un rischio in quanto contagiosi; c’è differenza fra segni cutanei sicuramenti riferibili al covid-19 e quelli sospetti perché in soggetti pauci o asintomatici. Nell’infezione certa sono possibili rush cutanei diffusi (simili al morbillo o orticarioidi) in concomitanza a sintomi respiratori o simil influenzali.

Cristiana Toscano

Leave a Comment
Share
Published by
Cristiana Toscano

Recent Posts

Rinnovo Opi Firenze – Pistoia: il Tar dichiara inammissibile il ricorso presentato dalla lista “Ordine cambia stile”

Rinnovo degli organi direttivi dell'Opi Firenze - Pistoia: il Tar Toscana dichiara inammissibile per difetto…

2 ore ago

Infermieri: avviso di selezione urgente presso il “Riuniti” di Foggia

Avviso di selezione - Urgente per Sars-Cov 2 - per Infermieri presso l'A.O.U. "Ospedale Riuniti"…

2 ore ago

Muore un volontario del vaccino anti-Covid, ma non aveva ancora ricevuto la dose

Un volontario nella sperimentazione brasiliana del vaccino sperimentale contro il coronavirus di AstraZeneca è morto.…

5 ore ago

Superlieviti e farine di grani speciali, ecco la ricetta per il “pane della salute”

Gli ingredienti, oggetto di uno studio specifico, sono stati selezionati nei laboratori delle Università di…

6 ore ago

Neonata positiva al Covid abbandonata in ospedale a Palermo

Anna, sei mesi, positiva al Covid-19, sola. La donna, una rom, che l’ha portata al…

7 ore ago