Il Segretario Generale Fials Matera, Giovanni Sciannarella e il Segretario Fials Adams, Angelo Fracchiolla, annunciano stato di agitazione dei lavoratori Asm per gravi carenze del personale

Con una nota inviata a Sua Eccellenza il Prefetto di Matera e alla Dirigenza Asm, il Segretario Generale Fials Matera, Giovanni Sciannarella e il Segretario Fials Adams, Angelo Fracchiolla annunciano lo stato di agitazione dei dipendenti Asm perché la situazione in tutti i presidi della Azienda Sanitaria Matera è grave.

La carenza cronica di organico e tutte le vicende che si susseguono quotidianamente, dalla vertenza per le progressioni orizzontali ai Progetti strategici aziendali, stanno creando un clima di tensione tra i lavoratori, innescando una vergognosa guerra tra poveri, mettendo gli uni contro gli altri.

Questa situazione ovviamente si ripercuote negativamente sull’utenza. Più volte i lavoratori e le segreterie di Fials Matera e Fials Adams hanno segnalato, con note specifiche, la gravità della situazione che ad oggi resta invariata.

Sciannarella e Fracchiolla ricordano che oltre un anno la Asm ha bandito un avviso pubblico per assumere infermieri a tempo determinato, di cui ad oggi non abbiamo notizia. Per quanto riguarda la stabilizzazione del personale che ha i requisiti secondo la legge Madia la graduatoria è stata pubblicata a marzo 2019 ma i lavoratori aspettano ancora la chiamata. Inoltre ci sono due graduatorie di Idonei Oss da cui la dirigenza potrebbe attingere. Ma la Asm ovviamente al momento nicchia.

La situazione non cambia per il personale della dirigenza medica, con carenze croniche di alcune figure che stanno portando alla progressiva chiusura o depotenziamento di servizi. Anche per i medici a fronte delle uscite ci sono pochissimi ingressi, scelta condizionata dalle lungaggini delle procedure di reclutamento e dal fatto che la Asm non è più appetibile visti i mille problemi. Pertanto i sindacati Fials Matera e Fials Adams chiedono un intervento tempestivo delle Istituzioni e se non ci saranno riscontri proclameranno uno sciopero dei lavoratori.

Redazione NurseTimes