Medico arrestato a Catania: prescriveva esami inutili ai neonati

Arrestato il dirigente medico del reparto di Neonatologia dell'ospedale San Marco di Catania, Alessandro Rodonò

Arrestato il dirigente medico del reparto di Neonatologia dell’ospedale San Marco di Catania, Alessandro Rodonò

Il dirigente medico del reparto di Neonatologia dell’ospedale San Marco di Catania, Alessandro Rodonòè accusato di aver chiesto a genitori di neonati prematuri somme di denaro per effettuare esami inutili, in regime di intramoenia, che prospettava come necessari per valutare le condizione di salute dei loro figli.

Esami che erano invece assolutamente inutili. Messi dinanzi a questa alternativa, i genitori si vedevano costretti ad eseguire il pagamento della prestazione intramoenia al fine di far sì che i propri figli potessero essere sottoposti agli accertamenti che ritenevano necessari, in ragione di quanto aveva loro detto proprio il medico. Le indagini e la conseguente misura cautelare, disposta dal Gip su richiesta della procura, hanno consentito di interrompere l’attività del professionista: proseguono intanto le indagini per la individuazione di altre vittime. Il medico è stato arrestato e messo ai domiciliari per concussione.

Le indagini hanno consentito di fare luce, al momento, su quattro gravi episodi concussivi, due in forma consumata e due in forma di tentativo, del dottore Rodonò, tra settembre ed ottobre del 2019.

“I fatti contestati dalla Procura di Catania al medico dell’ospedale San Marco posto stamani agli arresti domiciliari, qualora fossero confermati, sono di una gravità inaudita. Se è vero ciò che sostiene l’autorità giudiziaria, l’episodio in questione getta discredito sull’intero sistema sanitario regionale danneggiando i tantissimi operatori che quotidianamente operano con onestà e nell’esclusivo interesse della salute dei cittadini, per questo auspico che venga fatta piena luce senza alcuno sconto”. Lo dice l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, commentando la misura cautelare nei confronti di un neonatologo dell’ospedale San Marco di Catania.

“Come da prassi e ai sensi del contratto di lavoro – conclude Razza – l’Azienda attiverà un procedimento disciplinare nei confronti del medico coinvolto nell’inchiesta con sanzioni che potrebbero arrivare fino al licenziamento”.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Aurora, infermiera “Finisci il turno stremata ma non smetteresti mai di raccontare ciò che hai fatto durante la giornata”

Riprendiamo le parole di Aurora Giacometti, fiera di essere infermiera Se ripenso a qualche anno…

9 ore ago

Covid-19. Successo per Anticorpi monoclonali: lo studio

Uno degli argomenti che inspiegabilmente crea molta confusione, è sicuramente la differenza che sussiste tra…

10 ore ago

Coronavirus: quasi 49 mila studenti e professionisti sanitari si candidano per le attività di contact tracing

Un’importante risposta alla richiesta di aiuto della Protezione Civile è giunta dai professionisti della salute…

11 ore ago

Virus che non conoscono frontiere necessitano di risposte transfrontaliere

"Più che in qualsiasi altro momento della storia dell’umanità, la salute di un paese incide…

12 ore ago

Coronavirus, Regioni chiedono tamponi solo ai sintomatici

Se il Governo cerca di rilanciare il contact tracing, le Regioni chiedono di adottare nuove…

13 ore ago

Medico postivo al Covid continua a visitare e infetta un paziente: indagato

Indagato un cardiologo accusato di avere effettuato visite, nonostante fosse positivo al Covid-19 e di…

13 ore ago