Medico di P.S. condannato per omissione d’atti d’ufficio: sentenza della Cassazione

A Maggio, con la sentenza n. 24163/2018, la Corte di Cassazione, sesta sezione penale ha dichiarato inammissibile il ricorso di un medico che era stato giudicato colpevole per omissione di atti di ufficio, condannandolo alle spese processuali

A Maggio, con la sentenza n. 24163/2018, la Corte di Cassazione, sesta sezione penale ha dichiarato inammissibile il ricorso di un medico che era stato giudicato colpevole per omissione di atti di ufficio, condannandolo alle spese processuali

Il fatto contestato risale a qualche anno fa, quando una donna, a causa di una patologia cardio – respiratoria severa, arrivava in pronto soccorso, trasportata in ambulanza in codice rosso.

Purtroppo il medico di turno rifiutava l’accettazione della paziente, asserendo che la radiodiagnostica non funzionava, dirottandola altrove. Così facendo, il medico ometteva le manovre previste dal protocollo diagnostico – terapeutico per le persone con dispnea.

Il sanitario viene tratto a giudizio per rispondere del delitto previsto e punito dall’art. 328 c.p. e condannato sia in primo che in secondo grado alla pena prevista.

Il medico, decide di  ricorrere in cassazione sostenendo, a sua discolpa, che la direzione sanitaria aveva disposto di dirottare altrove i pazienti perché il perdurante guasto del servizio di radiologia avrebbe reso impossibile l’assistenza ai pazienti più gravi.

I giudici di merito hanno riconosciuto che il medico ha agito con negligenza, rendendosi, quindi, responsabile di rifiuto di atti d’ufficio perché indebitamente rifiutava un atto che, per ragioni di sanità, doveva essere compiuto senza ritardo.

La Corte di Cassazione, confermando la condanna, sottolinea che il rifiuto di prestare soccorso alla paziente appariva ingiustificato.

Non solo per il ripristino dell’interruzione programmata, di lì a poco (il servizio radiologico sarebbe ripreso 10 minuti dopo l’arrivo dell’assistita in pronto soccorso), del servizio di radiologia ma, soprattutto, perché era possibile effettuare accertamenti ulteriori e diversi rispetto a quello.

A seguito della sentenza di cui sopra, appare ancora più evidente, come, anche il semplice consiglio a rivolgersi ad una struttura “più appropriata”, possa configurare il reato di omissione di atti di ufficio, sia per il medico che per gli infermieri, specialmente se triagisti.

 

Carmelo Rinnone

Carmelo Rinnone

Infermiere dal 2006. Ha conseguito il master in emergenza/urgenza sanitaria, in infermieristica legale e forense e, infine, in management nelle organizzazioni sanitarie. Nel 2015 ha conseguito la Laurea Magistrale in Scienze infermieristiche e ostetriche

Leave a Comment
Share
Published by
Carmelo Rinnone

Recent Posts

Covid-19: tamponi anali per i soggetti più a rischio in Cina

Un nuovo strumento diagnostico nella lotta al coronavirus nCoV-2019 giunge dalla Cina. Per testare i…

7 ore ago

Parlamento Europeo al fianco dei precari: la petizione del Comitato Infermieri Precari Puglia

Il Parlamento Europeo si schiera al fianco degli infermieri precari e spinge il prossimo Governo…

7 ore ago

Lettura ECG: la Sindrome di Wellens

La sindrome di WELLENS è una urgenza cardiologica che va attenzionata e trattata immediatamente per…

9 ore ago

Sonno profondo fondamentale per eliminare i “rifiuti” dal cervello

Il sonno profondo ha la capacità unica ed essenziale di rimuovere i "rifiuti" del cervello,…

10 ore ago