Meningite, gennaio è mese critico: gli esperti invitano a vaccinare i bimbi

L’immunizzazione antimeningococcica è stata esclusa dall’elenco dei vaccini obbligatori, ma resta raccomandata. Il numero di casi di meningite in Italia «è abbastanza stabile, mentre gennaio…

L’immunizzazione antimeningococcica è stata esclusa dall’elenco dei vaccini obbligatori, ma resta raccomandata.

Il numero di casi di meningite in Italia «è abbastanza stabile, mentre gennaio è costantemente il mese con più segnalazioni». Lo dice Massimo Galli, presidente di Simit (Società italiana malattie infettive e tropicali). L’ultimo caso registrato in questo inizio di 2019 riguarda un 16enne ricoverato al Policlinico Gemelli, che prima della diagnosi aveva partecipato a un convegno alla Camera sulla Shoah. Così la profilassi è scattata non solo a scuola e nella palestra frequentate dal ragazzo, ma anche fra i parlamentari.

Galli sottolinea: «In questi giorni stiamo assistendo alla ripetizione di un dramma a copione fisso. Rattrista che buona parte dei decessi nei bambini si sarebbe potuto evitare se fossero stati debitamente vaccinati». I casi segnalati in Italia nel 2015, 2016 e 2017 sono stati rispettivamente 189, 220 e 200. Nel 2018 sono stati 198, con 18 decessi. Il Piano nazionale vaccinazioni prevede la vaccinazione per il meningococco B, il sierogruppo responsabile del maggior numero di malattie invasive (meningiti e sepsi) a partire dal terzo mese di vita, e per il meningococco C

(dal 13esimo mese).

«Le coperture vaccinali continuano però a essere insufficienti – prosegue Galli –. Solo il 38,5% dei bambini nati nel 2015 risultava vaccinato per il meningococco B al compimento del 24esimo mese di vita. Le vaccinazioni antimeningococciche sono state in un primo momento incluse, poi tolte dall’elenco delle vaccinazioni obbligatorie attualmente previste per legge in Italia, e mantenute come vaccinazioni raccomandate. Evidentemente la raccomandazione non basta».

Di questo passo, «si continueranno a piangere decessi evitabili e si consentirà a sierogruppi di meningococco a più alta patogenicità di continuare a circolare, specie tra i più giovani», avverte lo specialista. E conclude: «Le posizioni contrarie alle vaccinazioni, o che mascherano il rifiuto con la legittimazione della cosiddetta hesitancy (esitazione) e della valutazione caso per caso (che maschera la ricerca di pretesti per esenzioni non giustificabili), contribuiscono a creare confusione e a disorientare genitori che possono incorrere in scelte sbagliate, mancando al dovere di proteggere i loro figli. Con conseguenze in qualche caso drammatiche».

Redazione Nurse Times

Fonte: www.ilmessaggero.it

 

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Coronavirus, medici del Meyer salvano la vita a un 12enne in gravissime condizioni

Il ragazzo era giunto all'ospedale pediatrico fiorentino con una sindrome di infiammazione multi-sistemica correlata al…

3 minuti ago

Napoli, ucciso dal Covid un infermiere in pensione: aveva ripreso servizio per dare una mano

Alfonso Durante, 75 anni, era tornato a disposizione delle Misericordie di Grumo Nevano come volontario.…

43 minuti ago

Nursind, fuori luogo chi considera l’indennità infermieristica un’offesa ad altre professioni

Lo afferma, in una nota, il segretario nazionale del Nursind infermieri Andrea Bottega.  "Mi limito…

11 ore ago

Fnopi, Indennità di specificità infermieristica: un riconoscimento meritato, ancora da rafforzare

L’indennità infermieristica prevista nella legge di bilancio 2021 non è “un’offesa verso le altre professioni”…

12 ore ago

ASP Enna: avviso pubblico urgente per infermieri da destinare all’emergenza Covid

Avviso pubblico con Procedura Straordinaria ed Urgente per la formulazione di una graduatoria per il…

12 ore ago