Secondo i ricercatori  della Georgia State University (guidati da Richard Plemper) molnupiravir (o Mk-4482/Eidd-2801) sarebbe efficace nel contrastare il Covid-19.

Il farmaco finora è stato sperimentato su un gruppo di furetti precedentemente infettati dal Sars-Cov-2. “Abbiamo testato l’efficacia del molnupiravir a scopo terapeutico per attenuare l’infezione e bloccarne la trasmissione – ha spiegato Robert Cox, co-autore dello studio – scegliendo questi animali perché trasmettono facilmente il virus ma hanno dei sintomi clinici minimi e ciò è molto simile a quanto accade nella propagazione del virus nell’uomo tra i giovani adulti“.

Il molnupiravir avrebbe impedito l’evoluzione della malattia in una forma grave, riuscendo ad impedire la replicazione del virus in 24 ore.

“Abbiamo messo nella stessa gabbia gli animali infettati e poi trattati insieme a furetti non trattati nessuno è stato infettato” ha detto Josef Wolf, uno dei ricercatori. Al contrario nello studio di controllo “tutti i contatti dei furetti che avevano ricevuto il placebo sono risultati infettati”. Ma certo, bisogna ancora vedere quale sarà l’efficacia del farmaco negli esseri umani.

Fonte: dottnet.it

Cristiana Toscano

Leave a Comment
Share
Published by
Cristiana Toscano

Recent Posts

Riconoscimento precoce dell’aggravamento del paziente pediatrico: PEWS

Il riconoscimento precoce dell’aggravamento del paziente pediatrico è un obiettivo fondamentale dell’assistenza in pediatria. Vari…

7 ore ago

Sanità Emilia Romagna. Al via la mobilitazione nelle aziende del SSR contro il calo del salario

Raccolta firme Emilia Romagna. Al via la mobilitazione nelle aziende del SSR contro il  calo…

9 ore ago

Una storia molto triste, testimonianze di infermieri

"A casa sarei peggiorata fino a morire, lo so che non vedrò più mio marito…

10 ore ago

Risonanza magnetica cardiaca in piena attività anche in emergenza Covid

Malgrado la paura generale a recarsi in ospedale per effettuare gli esami di routine, in…

11 ore ago

Torino, trapianto di fegato salva la vita a bimba di tre anni: la donatrice (vivente) è la mamma

La piccola, affetta da una rara malattia congenita del fegato, è stata operata all’ospedale Molinette…

13 ore ago