Morì a 30 anni a causa dei turni massacranti e continue reperibilità: Asl condannata a risarcire i famigliari

Riportiamo di seguito un caso che ha riguardato un professionista della salute morto anni fa per l’eccessivo lavoro che era obbligato a svolgere dal proprio…

Riportiamo di seguito un caso che ha riguardato un professionista della salute morto anni fa per l’eccessivo lavoro che era obbligato a svolgere dal proprio datore di lavoro.

L’Asl è stata condannata a risarcire i famigliari di un tecnico sanitario di radiologia medica deceduto a soli 30 per infarto del miocardio acuto.

Giuseppe Rubio, questo era il nome del dipendente in servizio presso l’ospedale di Nicosia. Negli otto anni di attività lavorativa aveva eseguito insieme a soli altri quattro colleghi ben 148.513 esami diagnostici, con una media di 18.564 all’anno, tra i quali quasi cinquemila Tac.

Questi numero spropositato avrebbe potuto essere raggiunto, secondo i giudici, solo ricorrendo a massicce dosi di straordinari, turni massacranti diurni e notturni e un ricorso alla reperibilità costante. In aggiunta, durante l’orario lavorativo, era necessario spostarsi da una struttura all’altra per sottoporre i pazienti alle procedure, percorrendo oltre 700 metri all’aperto anche durante i rigidi mesi invernali.

I parenti del professionista vinsero la causa in primo grado nel 2010. Nell’anno successivo però, il tribunale di Caltanissetta ribaltò la sentenza specificando come ritenessero l’azienda ospedaliera esente da colpe.

Ma un nuovo colpo di scena è avvenuto pochi giorni fa. L’8 giugno 2017 infatti la Corte di Cassazione ha stabilito che l’imprenditore è tenuto ad adottare nell’esercizio dell’impresa le misure che, secondo la particolarità del lavoro, l’esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l’integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro”. L’azienda sanitaria, secondo i giudici, avrebbe dovuto prevedere che sottoponendo a “super lavoro” quel radiologo lo avrebbe esposto ad un possibile danno.

“Era un principio già fissato dalla Cassazione – spiega il legale della famiglia Ruberto, Giuseppe Agozzino – ma ora viene riconosciuto che le condizioni di super lavoro, dovute per soddisfare le esigenze del datore di lavoro, se creano un danno devono essere risarcite. Ed è irrilevante che il lavoratore non si sia mai lamentato di quella situazione, cosa che l’Asp aveva rilevato a propria difesa”.

Simone Gussoni

Dott. Simone Gussoni

Il dott. Simone Gussoni è infermiere esperto in farmacovigilanza ed educazione sanitaria dal 2006. Autore del libro "Il Nursing Narrativo, nuovo approccio al paziente oncologico. Una testimonianza".

Leave a Comment
Share
Published by
Dott. Simone Gussoni

Recent Posts

Covid-19, muore infermiere 59enne: la terapia intensiva porterà il suo nome

È morto questa mattina a causa del Covid-19 Sergio Bonazzi, infermiere in servizio presso il…

3 ore ago

Ginecologia e resistenza agli antibiotici: l’utilità dei probiotici

In ambito ginecologico la resistenza agli antibiotici crea numerosi problemi. Gli antibiotici vengono prescritti in…

8 ore ago

Hiv e Aids, i dati Iss sulle nuove diagnosi in Italia nel 2019

Pubblicati i dati Iss sulle nuove diagnosi di infezione da HIV e dei casi di…

9 ore ago

IG-IBD – Malattie infiammatorie croniche intestinali, il bilancio del 2020

Considerevoli i ritardi diagnostici, ma aumentano le opzioni terapeutiche “Anche in caso di sintomi evidenti…

9 ore ago

ASP Cosenza: concorso pubblico per infermieri

In esecuzione della deliberazione del Commissario Straordinario dell'ASP di Cosenza n. 1193 del 25/11/2020 è…

10 ore ago

Infarto, bypass e angioplastica: dove operarsi?

I ricoveri per infarto miocardico acuto sono calati del 7,6% tra il 2012 e il…

10 ore ago