Muore a 7 anni e lascia i suoi risparmi all’ospedale

Modica, Ragusa. Il piccolo Giovanni si spegne, dopo 4 anni di calvario. Ma prima di andarsene esprime un ultimo desiderio: lasciare i suoi risparmi all’ospedale per aiutare gli altri bambini malati.

Aveva solo 3 anni, il piccolo Giovanni, quando fece un volo di sei metri nel vano scala della sua abitazione di Ispica (Ragusa), cadendo rovinosamente e battendo forte la testa. Da quel momento in poi, a causa delle gravi ferite subìte, per il bimbo e per la sua famiglia è iniziato un lunghissimo calvario fatto di ricoveri, di interventi chirurgici, di viaggi della speranza, di sacrifici e di dolore. Un calvario durato 4 lunghi anni, che Giovannino ha però affrontato con grande coraggio, mostrando un carattere forte e deciso. Calvario terminato il 14 maggio 2016 quando il cuore del piccolo, a soli 7 anni di vita, ha smesso di lottare. Un grande cuore.

Sì, perché il ragazzino, malgrado la sua tenera età, sapeva benissimo a cosa andava incontro e nonostante questo il suo ultimo pensiero non è stato per sé: “Quando muoio comprate con i miei soldi un’attrezzatura per questo reparto. Servirà per gli altri bambini”, ha detto alla sua mamma e al suo papà. Lasciandoli di sasso ed in silenzio per alcuni interminabili secondi. Commossi, straziati, con un groppo in gola troppo grosso per poter parlare o respirare.

Quella che Giovanni ha lasciato al mondo prima di andarsene, è stata un’assordante testimonianza di umanità; genuina, sincera, buona e libera come solo quella di un bambino può essere. Un bambino che ha scelto, come suo ultimo desiderio, quello di lasciare i propri ‘soldini’ all’ospedale che per anni lo ha accolto e curato; in modo da aiutare altri bimbi come lui.

Un desiderio che mamma Valeria e papà Salvatore hanno esaudito subito, presentandosi dal primario della divisione di Pediatria “Maggiore” di Modica, con un ‘gruzzoletto’ di circa mille euro per contribuire all’acquisto di un oscillometro (strumento utilizzato per la misurazione dell’espansibilità delle pareti arteriose di un arto).

Queste sono state le parole della sua giovane mamma: “Mio figlio pur così piccolo e nella sofferenza che ha patito ci ha dato emozioni uniche e irripetibili; oltre a una bella lezione di bontà e altruismo. In realtà il suo sogno era quello di comprare l’ospedale con i suoi risparmi. Devo dire che nella divisione di Pediatria lo hanno curato tutti, medici e infermieri, con un affetto non comune, che francamente non ho trovato in altre strutture super specializzate del Nord”.

Una vita davvero tanto, troppo breve. Ma conclusa con un gesto di estrema generosità, che rappresenta per tutti noi un’autentica lezione di vita. Piena di speranza. Grazie, piccolo Giovanni.

Alessio Biondino

Fonti: tgcom24.mediaset.itquotidiano.netragusa.blogsicilia.it

Articoli correlati:

Roma. La “Casa in Ospedale” per bambini disabili gravissimi

Un infermiere che insegna le manovre salva-vita ai bambini…

Neonato salvato da una infermiera lì per caso…

Assistere bambini complessi mi completa…il racconto di Ambra, infermiera a Roma

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Vaccini, Grillo (M5S): approvata nostra mozione per sospensione temporanea brevetti e licenze obbligatorie.

Aumentiamo produzione garantiamo copertura a tutti ROMA, 24 MAR - “ I ritardi nelle forniture…

10 ore ago

DIVOC: il ventilatore polomonare a minimo consumo di ossigeno, un progetto made in Italy

È stato sviluppato un nuovissimo dispositivo per la ventilazione non invasiva a pressione positiva continua…

12 ore ago

Vaccino anti-Covid Sinovac sicuro nei bambini dal 3 ai 17 anni

Il vaccino anti-Covid-19 dell'azienda farmaceutica cinese Sinovac è sicuro nei bambini di età compresa tra 3 e 17 anni.…

13 ore ago

Sanitari sospesi per aver rifiutato il vaccino, facciamo chiarezza

Nelle scorse ore si era diffusa la notizia di 10 lavoratori di una RSA a…

14 ore ago

Milioni di vaccini Astrazeneca nascosti in Italia

Milioni di vaccini di AstraZeneca sarebbero nascosti in Italia e destinati al Regno Unito. Si…

16 ore ago

La Regione Puglia vuole sostituire gli Infermieri con gli OSS specializzati?

La dura presa di posizione degli OPI della Puglia La grave carenza di Professionisti infermieri…

17 ore ago