NeXT, tesi: Modalità attuabili dall’infermiere per aumentare il self-care in persone adulte portatrici di ileostomia

Giunge al nostro indirizzo mail redazione@nursetimes.org il lavoro di tesi della dott.ssa Ylenia Arrigoni

Contuna il grande successo per il progetto editoriale denominato NExT (Nurse EXperimental Thesis) targato Nurse Times

Giunge al nostro indirizzo mail redazione@nursetimes.org il lavoro di tesi della dott.ssa Ylenia Arrigoni, dal titolo “MODALITA’ ATTUABILI DALL’INFERMIERE PER AUMENTARE IL SELF-CARE IN PERSONE ADULTE PORTATRICI DI ILEOSTOMIA AL FINE DI RIDURRE LE RIAMMISSIONI OSPEDALIERE PRECOCI, laureatasi presso l’Università degli studi dell’Insubria nell’a.a. 2017 – 2018.


Abstract
La maggior parte delle persone che subisce un intervento chirurgico colorettale ha la necessità di confezionare un’enterostomia. Con l’accorciarsi della degenza post-operatoria, queste persone si ritrovano ad attuare il self-care procedendo per tentativi ed errori. Questo comporta l’aumento delle possibilità di insorgenza di complicanze che conducono nuovamente il paziente in ospedale, soprattutto per quanto riguarda i portatori di ileostomia che spesso vanno incontro a disidratazione.

La revisione della letteratura verte su sei articoli che trattano differenti modalità attuabili dall’infermiere per aumentare il self-care in persone adulte portatrici di ileostomia al fine di ridurre le riammissioni ospedaliere precoci. Negli ultimi anni, in aiuto agli infermieri sono accorsi: una check-list centrata sul paziente, un intervento innovativo basato sui follow-up ambulatoriali e telefonici, programmi di supporto e la tecnologia, che comprende applicazioni mediche sullo smartphone e la telemedicina.

I risultati ottenuti fanno trasparire che non esiste una modalità univoca con la quale intervenire in quanto persistono variabili socio-economiche e personali, tra cui l’età anagrafica. Sulla base di questi dati emerge da una parte l’importanza dell’infermiere enterostomista in grado di prendere in carico le persone ileostomizzate e di collaborare con un’equipe multidisciplinare nel personalizzare l’assistenza, dall’altra quella dell’educazione sanitaria come elemento fondamentale e trasversale a tutta la tematica.

Ylenia Arrigoni

 

Allegato

Tesi: Modalità attuabili dall’infermiere per aumentare il self-care in persone adulte portatrici di ileostomia al fine di ridurre le riammissioni ospedaliere precoci

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Omicidio De Santis e fidanzata: arrestato uno studente del CdL in Infermieristica

Svolta nelle indagini sull'assassino di Eleonora Manta e dell’arbitro di calcio Daniele De Santis, uccisi la sera…

5 ore ago

Anche in Italia ci sono migliaia di donne infibulate

Le mutilazioni genitali sono pratiche terribili che rispondo a retaggi culturali e consistono nell'incisione o…

8 ore ago

Coronavirus: la pelle può dirci molto

La nostra pelle può dirci molto della nostra salute, anche in caso di infezione di…

8 ore ago

Coronavirus, un milione di morti

Sono almeno 998.000 le persone uccise dal virus da quando l’epidemia è scoppiata in Cina…

9 ore ago

Atrofia muscolare spinale, passi avanti nella ricerca

L'atrofia muscolare spinale (SMA), è una malattia genetica che colpisce un neonato ogni 6.000-10.000 nati.…

9 ore ago

Menopausa, quando ricorrere alla terapia ormonale sostitutiva?

L'Associazione Medici Endocrinologi ha diffuso una guida per aiutare medico e paziente nella scelta dell'approccio…

12 ore ago