Oltre all’accumulo di lavoro e di stress, per gli infermieri c’è il rischio del demansionamento.

“Abbiamo già contattato il legale del sindacato e presenteremo una denuncia perché, oltre al resto dei problemi, per noi problemi esiste anche quello del demansionamento notturno. Visto che di notte mancano gli oss, noi infermieri siamo infatti costretti a svolgere anche le loro mansioni. Cosa che ci distoglie da altre, preziose funzioni”. Dichiarazioni rilasciate a La Nuova Sardegna da Francesco Tuvoni, Rsu e componente della segreteria provinciale Nursing. L’ospedale di cui parla il sindacalista è il San Francesco di Nuoro e il “resto dei problemi” a cui allude è rappresentato anche dalla mancanza di posti letto, che obbliga a sistemare i pazienti al centro delle stanze o persino negli anditi. “Ormai è diventata una giungla – attacca Tuvoni –. La situazione è precipitata da circa un mese e mezzo, cioè da quando il Pronto soccorso non filtra più i pazienti e chi passa da lì, quasi sempre viene mandato in altri reparti, specialmente in Medicina, Ortopedia e Geriatria. Poi tocca agli infermieri di tali reparti cercare un posto letto, con un aggravio di lavoro e uno stress notevoli. Come si può lavorare così? Abbiamo ripetutamente segnalato che, con queste carenze e a queste condizioni, anche il rischio clinico aumenta”. Redazione Nurse Times Fonte: La Nuova Sardegna