OPI Lecco, AIDO e ADMO organizzano la presentazione del libro “Io e Il Professor Non Hodgkin”

Debora, giovane infermiera... Abituata a stare in mezzo ai malati di cancro, ma meno abituata ad essere lei la persona malata

Una serata con l’infermiera Debora Bricalli, autrice del libro, organizzata dall’Ordine degli infermieri lecchesi in sinergia con le associazioni ADMO Lombardia e AIDO Olginate-Valgreghentino per sensibilizzare sulla tematica del dono

Debora, giovane infermiera… Abituata a stare in mezzo ai malati di cancro, ma meno abituata ad essere lei la persona malata. Giovane, troppo giovane per pensare di essere preda di malattie così aggressive nel momento più esaltante della sua vita, la gravidanza; al sesto mese si ritrova invece affetta da linfoma non Hodgkin e la sua vita è capovolta. È questa la storia che l’OPI di Lecco e le associazioni che si occupano della tematica della donazione hanno pensato di raccontare il 17 gennaio 2020 alle ore 20,30 nella sala polivalente del Comune di Valgreghentino (LC).

Una serata rivolta dunque non solo agli infermieri, ma a tutta la cittadinanza, per ascoltare una testimonianza e parlare di tematiche delicate come la malattia e la donazione.

Ospite della serata la collega Debora Bricalli, autrice del libro “Io e il Professor Non Hodgkin”.

La storia comincia quando l’infermiera si trova catapultata dall’altra parte della barricata ed essere essa stessa una paziente dell’istituto oncologico per il quale lavora. Comincia in quel luogo la dannata trafila di cure per riuscire a sconfiggere questa terribile malattia.

Tra momenti di inebriante gioia come la nascita della figlia, avvenuta dopo le prime sedute di chemioterapia, e momenti caratterizzati da profondo sconforto come le due recidive di malattia, Debora riesce a ritagliarsi un momento tutto per sé, per descrivere le sensazioni ed emozioni a mano a mano vissute nel suo percorso, nella speranza di essere aiuto ad altre persone che purtroppo si ritrovano nella sua stessa condizione. Per dar loro forza, coraggio, speranza.

Ed ecco che allora i pensieri accumulati diventano un vero e proprio libro… e il libro a sua volta diventa un DONO per dare speranza a chi sta male e per dare un contributo economico a chi si occupa di combattere queste malattie; i proventi infatti verranno destinati al comitato Maria Letizia Verga. Il Professor Non Hodgkin ha dato importanti lezioni di vita a Debora che adesso sta bene e non vuole fare altro che portare il suo messaggio, il suo DONO di speranza, al cuore e alla testa di più persone possibili. Per maggiori informazioni www.opilecco.it

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Aurora, infermiera “Finisci il turno stremata ma non smetteresti mai di raccontare ciò che hai fatto durante la giornata”

Riprendiamo le parole di Aurora Giacometti, fiera di essere infermiera Se ripenso a qualche anno…

8 ore ago

Covid-19. Successo per Anticorpi monoclonali: lo studio

Uno degli argomenti che inspiegabilmente crea molta confusione, è sicuramente la differenza che sussiste tra…

8 ore ago

Coronavirus: quasi 49 mila studenti e professionisti sanitari si candidano per le attività di contact tracing

Un’importante risposta alla richiesta di aiuto della Protezione Civile è giunta dai professionisti della salute…

9 ore ago

Virus che non conoscono frontiere necessitano di risposte transfrontaliere

"Più che in qualsiasi altro momento della storia dell’umanità, la salute di un paese incide…

11 ore ago

Coronavirus, Regioni chiedono tamponi solo ai sintomatici

Se il Governo cerca di rilanciare il contact tracing, le Regioni chiedono di adottare nuove…

11 ore ago

Medico postivo al Covid continua a visitare e infetta un paziente: indagato

Indagato un cardiologo accusato di avere effettuato visite, nonostante fosse positivo al Covid-19 e di…

12 ore ago