Opi Rovigo celebra i nuovi infermieri e premia le migliori tesi del 2019

L’Ordine veneto chiude l’anno in bellezza, anche grazie alla Giornata infermieristica del 18 dicembre.

Opi Rovigo ha chiuso l’attività dell’anno 2019 come meglio non poteva. Grande successo, infatti, ha riscosso la Giornata infermieristica organizzata nella sala Rigolin del Cen.Ser. di Rovigo mercoledì 18 dicembre.

Protagonista dell’evento, la docente Annalisa Pennini, personalità di caratura nazionale, nonché autrice di molte pubblicazioni e diversi libri sui temi sanitari, che ha catturato l’attenzione della platea con il corso “La gestione delle prescrizioni diagnostico-terapeutiche. Responsabilità dell’infermiere e strumenti operativi”. Argomento sempre molto sentito all’interno della professione infermieristica e magistralmente esplorato dalla relatrice nelle sue varie implicazioni.

Protagonisti della giornata di mercoledì sono stati anche i neolaureati in Infermieristica, recentemente iscritti all’Ordine provinciale e omaggiati dal direttivo per celebrarne l’ingresso nella comunità professionale. “Anche quest’anno – spiegano i responsabili dell’Ordine infermieristico – abbiamo voluto celebrare i nostri nuovi iscritti al termine di un appuntamento che ha riunito professionalità da tutto il territorio. Loro sono il futuro della nostra professione ed è fonte di orgoglio vederli partecipare alle nostre iniziative e, magari, ritrovarli come colleghi nei contesti operativi o all’interno dei futuri direttivi”

.

Dulcis in fundo, la premiazione delle tre migliori tesi infermieristiche, che si sono distinte per originalità e pertinenza professionale nello scorso anno accademico. Sul podio si sono piazzate: Asia Manfrin, prima classificata con la tesi “La gestione della posizione prona del paziente con sindrome da distress respiratorio acuto in ventilazione meccanica”; Chiara Casaccia, seconda classificata con la tesi “La prevenzione della polmonite da inalazione nella persona con malattia di Parkinson: il ruolo dell’infermiere”; Ilaria Sarto, terza classificata con la tesi “Studio osservazionale sul processo di implementazione del metodo SBAR”. Le vincitrici si sono aggiudicate i premi economici di 500, 300 e 200 euro.

“Il premio per la miglior tesi – concludono i rappresentanti del direttivo Opi – rappresenta un punto cardine della nostra programmazione. I lavori premiati sono stati scelti da una commissione composta da dodici membri interni al direttivo, che hanno esaminato personalmente quindici elaborati. Manfrin, Casaccia e Sarto, con le loro tesi, confermano i passi avanti compiuti, anche a livello intellettuale e culturale, dalla nostra professione”.

Redazione Nurse Times  

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Chiuso il caso dell’ex assessore Venturi sulle ambulanze di soli infermieri

Conciliazione tra le parti e transazione. Si chiude così il conflitto tra l'Ordine dei medici…

3 ore ago

L’impatto sulla salute degli infermieri dei turni di 12 ore

Un recente studio è stato condotto per analizzare l'impatto che ha sulla salute mentale degli…

4 ore ago

A chi spetta l’obbligo di iscrizione all’albo infermieri

L’obbligo di iscrizione all’albo infermieri è a carico del datore di lavoro, presso le cui strutture il…

5 ore ago

L’ordine degli infermieri di Napoli diffida l’università Vanvitelli

L’Ordine delle professioni infermieristiche di Napoli ha diffidato formalmente l’Università degli Studi della Campania “Luigi…

5 ore ago

Infermiera vince la causa dopo essersi rifiutata di vaccinarsi contro l’influenza

Si torna a parlare dell'infermiera siciliana si è rifiutata di vaccinarsi contro l’influenza, come stabilito…

6 ore ago