Categorie: Notizie primo piano

Osteopati chiedono il varo dei decreti attuativi della professione

L’iter che deve definire il profilo professionale degli osteopati non è ancora concluso. L’Osteopata è da due anni a questa parte una figura professionale in…

L’iter che deve definire il profilo professionale degli osteopati non è ancora concluso. L’Osteopata è da due anni a questa parte una figura professionale in fase di regolamentazione in Italia e già riconosciuta a pieno titolo come Professione Sanitaria in dieci Paesi (Gran Bretagna; Francia; Finlandia; Sudafrica; Australia; Nuova Zelanda; Sudafrica; Svizzera; Portogallo e Islanda). Ma in Italia continua la situazione di incertezza: i tre mesi previsti dalla legge 3/2018 per il varo dei decreti attuativi della professione osteopatica sono ormai diventati più di due anni.

La sen. Paola Binetti ha presentato al Ministro per gli affari regionali e le autonomie, Francesco Boccia, una interrograzione in cui riporta l’attenzione sull’argomento.

La Binetti sottolinea che “in attesa di una normativa sanitaria di riferimento la categoria degli osteopati permane in una situazione di incertezza, aggravata durante la pandemia di Covid-19 e il lockdown

dall’impossibilità di ricevere indicazioni formali circa la propria attività, a differenza delle categorie professionali sanitarie già istituite”.

“Noi ci troviamo adesso in un limbo molto difficile: la legge 3/2018 ci ha individuato come Professione Sanitaria ma non abbiamo ancora il percorso formativo con una Laurea Triennale. Ci sentiamo veramente sospesi in una situazione delicata e ci auguriamo si possa tutto concludere presto e per il meglio” aveva riferito tempo fa Paola Sciomachen, Presidente del Registro degli Osteopati in Italia (ROI).

“Siamo impazienti di conoscere la risposta all’interrogazione che permetterà di capire quando sarà effettivamente calendarizzato lo schema di Accordo sugli ambiti di attività e sulle competenze degli osteopati presso la Conferenza Stato-Regioni, passaggio necessario per continuare l’iter di regolamentazione con il MIUR per la definizione del corso di laurea” dichiara adesso Sciomachen.

Fonti: insalutenews.it, quotidianosanità.it

Cristiana Toscano

Leave a Comment
Share
Published by
Cristiana Toscano

Recent Posts

Le persone con tumore del polmone o testa-collo potrebbero essere più resistenti al Covid

Le persone colpite da tumore del polmone e della testa-collo potrebbero essere più resistenti alla…

36 minuti ago

Concorso di mobilità per infermieri in Puglia: pronta la graduatoria

Finalmente la graduatoria per il concorso pugliese di mobilità per 566 infermieri è pronta La…

1 ora ago

Apnea ostruttiva del sonno, variabilità da notte a notte

I pazienti con apnea ostruttiva del sonno possono presentare una considerevole variabilità da notte a…

1 ora ago

Guida al buon uso del pronto soccorso

Covid-19, in ospedale in sicurezza: ecco la “guida al buon uso del pronto soccorso” dal…

2 ore ago

Nuovi Lea. Che fine ha fatto il “Decreto Tariffe”? Approvarlo subito per rendere esigibili i nuovi diritti dei pazienti e ridurre le disuguaglianze

La scadenza fissata era febbraio 2018, ma del cosiddetto “decreto tariffe”, quello cioè che avrebbe…

2 ore ago

Concorso di mobilità per infermieri in Puglia: la Fials sollecita la pubblicazione della graduatoria

La Fials sollecita la pubblicazione della graduatoria del Concorso di mobilità per infermieri in Puglia…

2 ore ago