Patto Salute, Nursing Up: l’introduzione dell’infermiere di famiglia/comunità è fondamentale per cronicità e presa in carico

De Palma “L’infermiere di famiglia è una figura insostituibile e di cruciale importanza in quanto riveste un ruolo chiave nella sanità del futuro, soprattutto per…

De Palma: Ora si riconosca al livello contrattuale

Roma, 18 dic. – “L’infermiere di famiglia è una figura insostituibile e di cruciale importanza in quanto riveste un ruolo chiave nella sanità del futuro, soprattutto per quanto riguarda le cronicità e la qualità della vita della comunità tutta: ne accogliamo con favore l’introduzione al livello nazionale tramite il Patto per la Salute che preveda questa figura accanto ai medici di medicina generale, ai pediatri di libera scelta, agli specialisti ambulatoriali e ai farmacisti. Ora aspettiamo di essere convocati per andare a discutere della struttura che l’organizzazione sanitaria dovrà darsi anche in termini contrattuali per regolamentare questo tassello fondamentale dell’assistenza ai cittadini”. Così il presidente del sindacato degli infermieri Nursing Up Antonio De Palma commenta l’approvazione del Patto per la Salute.

Il documento prevede “l’assistenza infermieristica di famiglia/comunità, per garantire la completa presa in carico integrata delle persone”. Una evoluzione che il sindacato degli infermieri chiedeva da lungo tempo, nonché un passaggio epocale verso la “valorizzazione delle professioni sanitarie, in particolare di quella infermieristica, finalizzata alla copertura dell’incremento dei bisogni di continuità dell’assistenza, di aderenza terapeutica, in particolare per i soggetti più fragili, affetti da multi-morbilità

”. 

“Con l’inserimento a tutti gli effetti nel nostro Servizio Sanitario Nazionale di questa preziosa figura dell’infermiere di famiglia e di comunità – aggiunge il presidente Nursing Up – si colma finalmente un gap tra l’Italia e gli altri paesi europei. Siamo certi che la scelta operata dal ministro della Salute, oltre a costituire un importante riscontro alle nostre reiterate richieste, rappresenti il viatico per intervenire su quel gran numero di ricoveri impropri che aggravano il SSN e costringono le persone a chiedere di essere accolte in ospedale per beneficiare di prestazioni che un infermiere di famiglia è perfettamente in grado di garantire”.

“Finalmente viene garantito – ribadisce De Palma – uguale diritto di assistenza a tutti coloro che ne hanno bisogno. Ora occorrerà presidiare affinché la nuova figura professionale abbia un adeguato e dignitoso riconoscimento contrattuale”.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Mobilità infermieri Puglia: pubblicata la graduatoria

Come avevamo annunciato ieri (Vedi articolo) la graduatoria della mobilità regionale ed extraregionale per 566…

3 ore ago

Infermiere responsabile dell’assistenza del percorso perioperatorio

L’infermiere responsabile dell’assistenza del percorso perioperatorio eroga in autonomia le cure durante tutta l’esperienza che…

4 ore ago

Scuole in ospedale, dopo il Covid non riaprono in Lombardia

Le scuole in ospedale non son solamente, per i piccoli pazienti, un luogo e un…

5 ore ago

Riforma del sistema ECM: “Accostare a sanzioni sistema premiante”

"Accostare a sanzioni sistema premiante, come uno sconto sui premi assicurativi" questa è l'idea del…

6 ore ago

Cellulite: i benefici delle calze a compressione graduata

La terapia compressiva aiuta a pompare e a svuotare i vasi sanguigni, garantendo una buona…

6 ore ago

Piemonte: intesa tra gli psicologi e le scuole

Siglato il Protocollo di Intesa tra l’Ordine degli Psicologi del Piemonte e l’Ufficio Scolastico Regionale…

7 ore ago