Pazienti sempre più violenti: a Sarzana arrivano braccialetti Gps e corsi anti-aggressione per il personale sanitario

In seguito all’escalation di violenza che coinvolge gli ospedali italiani la Asl5 spezzina è corsa ai ripari con alcuni interventi finalizzati alla tutela degli operatori sanitari.

Gli addetti del servizio di guardia medica che la notte dovranno recarsi da soli a domicilio dei pazienti, saranno dotati di braccialetto gps.

Al progetto sta lavorando il responsabile del servizio di Prevenzione e Protezione, Gian Paolo Giusti.

La situazione appare estremamente seria, tant’è che per il timore di aggressioni, all’ospedale di Sarzana la notte il personale reperibile viene scortato dal parcheggio al nosocomio da una guardia giurata.

L’Asl5 è corsa ai ripari costituendo un team in grado di agire su più fronti.

Saranno approfondite tematiche quali la tutela della sicurezza dell’operatore, il suo atteggiamento e il suo comportamento per evitare le situazioni a rischio.

L’Azienda ha provveduto alla formazione anti-aggressione di tutti i 2500 dipendenti.

Anche gli infermieri ed il personale Oss assunto attraverso Cooperative, che lavorano negli ospedali, saranno formati.

Incontri di formazione singoli saranno organizzati nelle strutture ritenute più a rischio di Asl5: il Sert, il Pronto Soccorso, la Guardia medica, la Psichiatria e tutti i punti di prima assistenza.

L’Asl5 ha messo a disposizione del lavoratore vittima di violenza fisica o verbale, un percorso per il sostegno psicologico che, oltre agli esperti del settore, prevede anche un supporto legale per la denuncia all’Autorità giudiziaria.

«Il problema che riscontriamo resta quello della denuncia da parte di chi ha subito la violenza – spiega Gianpaolo Giusti, responsabile del servizio di Prevenzione e Protezione di Asl5 – Il nostro dovere è quello di tutelare la sicurezza del lavoratore, ma se poi non è sporta la denuncia noi non possiamo fare nulla».

Per la vittima di aggressione il percorso da seguire è chiaro e il personale dispone di apposite schede da seguire con attenzione.

La vittima dovrà per prima cosa recarsi in pronto soccorso denunciando poi l’accaduto al dirigente della struttura alla quale fa capo.

La scheda dovrà essere compilata entro 24 ore dall’aggressione.

«Il team effettua un’analisi accurata sull’entità del danno subito e nello stesso tempo attiva le procedure da attuare per migliorare la sicurezza» spiega Elisa Romano, responsabile del Rischio clinico.

Simone Gussoni

Dott. Simone Gussoni

Il dott. Simone Gussoni è infermiere esperto in farmacovigilanza ed educazione sanitaria dal 2006. Autore del libro "Il Nursing Narrativo, nuovo approccio al paziente oncologico. Una testimonianza".

Leave a Comment
Share
Published by
Dott. Simone Gussoni

Recent Posts

Il Veneto “benedice” il Clone degli Infermieri

La regione Veneto con deliberazione di Giunta inaugura il percorso formativo supplementare per l'operatore socio…

1 ora ago

Ex guardia medica: un nuovo numero di telefono per Firenze, Pistoia e Prato

Il numero dedicato attivato dalla ASL Centro sarà necessario per contattare i medici della continuità…

16 ore ago

Un’infermiera accarezza un neonato ricoverato con il Covid, la foto fa il giro del web

Una foto che ritrae la tenerezza di chi mette tutto il suo cuore nel proprio…

16 ore ago

Campagna vaccinale in Toscana, reclutati infermieri e ostetriche per 50 euro all’ora

Visti gli obiettivi di incremento della Campagna Vaccinale determinati da una previsione di consegne di…

16 ore ago

La denuncia di Sposato a Figliuolo: “Uniformare le risorse agli ospedali. Ad Acri 8 infermieri per 15 malati Covid: una vergogna”

Nel giorno dell’arrivo, in Calabria, del commissario per l’emergenza Covid Figliuolo, giunge anche la denuncia…

17 ore ago

Ictus e sanguinamento: monoterapia con rivaroxaban

Di recente è stata pubblicata una sotto-analisi dello studio AFIRE, basato sul confronto della monoterapia…

17 ore ago