Pisa, infermieri festeggiano compleanno dell’anziano paziente nel reparto Covid: la gratitudine della nipote

E’ accaduto nell’edificio di Medicina 4 dell’ospedale Cisanello, dove è ormai una consuetudine. Un bel modo per far sentire meno soli i malati.

Una bella storia, quella che arriva dall’edificio di Medicina 4 dell’ospedale Cisanello di Pisa, riconvertito in reparto Covid durante l’emergenza. Ne sono protagonisti un nonno di 88 anni e il personale infermieristico che lo ha assistito. Pesonale di cui fa parte Ilaria Davini, nipote dell’anziano paziente e infermiera in servizio nel blocco operatorio del Dipartimento Cardio-toraco-vascolare dell’Aoup. E’ stata lei a raccontare quanto accaduto domenica 22 novembre, attraverso una lettera di ringraziamento a Monica Scateni, direttore del Dipartimento di professioni infermieristiche.

“Mio nonno – ha scritto Ilaria – risulta positivo al Covid-19 la notte del 14 novembre e, quella stessa notte, viene ricoverato in condizioni critiche in Medicina 4 a Cisanello (Edificio 5). Da subito ho potuto avvertire la dolcezza e la professionalità del personale infermieristico, oss e medico. Non è mai mancata la telefonata giornaliera, mai mancata la disponibilità a un chiarimento in più. Ma ciò che mi porta a raccontare la mia vicenda è quello che è accaduto domenica 22 novembre, giorno in cui mio nonno festeggiava il suo 88esimo compleanno. improvvisamente ricevo una sua telefonata in cui mi dice: ‘Ilaria, mi hanno festeggiato il compleanno, hanno attaccato dei palloncini, cantato tanti auguri e fatto spegnere le candeline. Mi hanno reso felice!’. Ed è così che scopro che questo gruppo meraviglioso di professionisti, ogni qualvolta un paziente è ricoverato isolato ed è il suo compleanno, gli organizza una festa per farlo sentire meno solo”.

Prosegue Ilaria: “Credo che in questa emergenza, che porta spesso il personale allo stremo fisico e mentale, incontrare un gruppo che nonostante la fatica non abbia perso la propria umanità, sia stato per mio nonno una fortuna unica, e che ciò meritasse il mio impegno a scrivere queste righe. Perchè l’affetto e l’amore con cui lo hanno accudito ha permesso a mio nonno di sentirsi protetto, capito e curato. Per tutto ciò vorrei veramente ringraziare, insieme a tutta la mia famiglia, e soprattutto dando voce al ringraziamento di mio nonno, tutta l’equipe della Medicina 4. Loro sono stati per me l’esempio, da collega e da nipote, che prendersi cura dell’altro è la più bella delle arti, la motivazione per la quale ho scelto di essere infermiera”.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Straordinaria vittoria dell’AADI: a Bergamo ora si pagano gli straordinari

Un’infermiera bergamasca ha chiesto alla sede centrale dell’Associazione Avvocatura Degli Infermieri se fosse giusto che…

14 ore ago

Fascicolo sanitario elettronico: nessuna scadenza per l’inserimento dei dati

In relazione alle notizie diffuse nei giorni scorsi, riguardo ad una presunta scadenza dell’11 gennaio…

14 ore ago

Fials: Oltre l’82% delle denunce Inail di contagio dei sanitari vengono da infermieri.

Ospedali inadeguati, subito messa in sicurezza Roma, 22 gen. – “Oltre l'82% delle denunce di…

14 ore ago

Il Fondo di solidarietà #NoiConGliInfermieri: cosa c’è da sapere

La Federazione nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche è stata costretta a sospendere, per una…

16 ore ago

Il test di Israele sul vaccino anti-Covid: una singola dose non basta

Israele ha vaccinato oltre un terzo della sua popolazione, record nel mondo, e sta misurando…

17 ore ago

Fisiologica al posto del vaccino COVID-19: indagano i NAS a Trento

Medici, infermieri, operatori socio sanitari. Tra le 47 persone che venerdì 15 gennaio si sono…

17 ore ago