Plasma iperimmune: Asl Taranto rivolge appello alla donazione

La Asl Taranto rivolge ai pazienti guariti dal Covid-19 un appello alla donazione di plasma iperimmune.

La terapia con il plasma, già utilizzata per Ebola e Sars, è una immunoterapia passiva e rientra nel progetto sperimentale avviato dalla Regione Puglia lo scorso maggio a cui anche la Asl Taranto ha aderito.

La prima fase della terapia – spiega La Salute in Puglia – consiste nel prelievo del plasma da persone guarite dal Covid-19 (“convalescent plasma” o “plasma iperimmune”). La seconda fase, nella somministrazione al paziente con infezione in atto degli anticorpi anti-SARS-Cov-2 sviluppati dai pazienti guariti e, quindi, presenti nel loro plasma.

Fino ad oggi, tra i pazienti guariti contattati dalla ASL Taranto che hanno aderito all’iniziativa, dopo le verifiche necessarie per valutare l’idoneità dei pazienti, sono state raccolte cinque unità di plasma (tre nella prima fase e due nella seconda fase).

Grazie al plasma raccolto nella prima fase, sono state curate cinque persone, tra le quali un paziente tarantino.

Il plasma donato recentemente, invece, è ora in fase di controllo e lavorazione per poter essere reso utilizzabile per le cure.Ora la ASL Taranto rivolge alle persone guarite dal Covid-19

un appello a partecipare alla donazione e permettere così la cura e la guarigione di altri malati.Per aderire, è necessario comunicare la propria disponibilità contattando il Centro Trasfusionale (S.I.M.T.) dell’Ospedale SS. Annunziata al numero telefonico 099 4585875 dal lunedì al venerdì dalle 8:30 alle 13:00.

I volontari saranno poi sottoposti a colloquio ed esami per valutare la loro idoneità alla donazione.La sperimentazione è stata avviata lo scorso maggio, quando l’Agenzia italiana del farmaco Aifa e l’Istituto Superiore di Sanità avevano comunicato l’avvio di uno studio comparativo per valutare l’efficacia del plasma di persone guarite dal Covid-19 per il trattamento di pazienti con malattia da moderata a grave.

Lo studio coinvolge varie unità operative degli ospedali pugliesi, Malattie infettive, Pneumologia e Medicina interna, per l’individuazione dei pazienti già guariti candidabili al trattamento, mentre ai Centri trasfusionali regionali è affidata la selezione di pazienti donatori, la valutazione dell’idoneità e la raccolta e conservazione del plasma.

Cristiana Toscano

Leave a Comment
Share
Published by
Cristiana Toscano

Recent Posts

La polizza assicurativa FNOPI copre la somministrazione vaccinale anticovid-19

La polizza professionale messa a disposizione dalla FNOPI per tutti gli iscritti comprende anche la…

50 minuti ago

“Giochi fatti” per il rinnovo degli Organi FNOPI: la “maggioranza bulgara” della Mangiacavalli

E’ tempo di elezioni in seno alla Federazione Nazionale Ordini delle Professioni Infermieristiche. I 102…

3 ore ago

Covid, Fials: Contagiate 102.942 di cui 70% infermiere, sono donne le più colpite.

Evidente disparità di genere Roma, 5 mar. – Femminili 70 contagi professionali ogni 100: le…

17 ore ago

Obesità e obesità infantile in crescita. 6 milioni di obesi in Italia

L'obesità è tra le più diffuse problematiche di salute a livello mondiale e la sua…

18 ore ago

Ema avvia la valutazione dello Sputnik V

L'Ema ha avviato la valutazione del vaccino russo Sputnik V contro il coronavirus. Il Governo…

19 ore ago

Ambulanza in urgenza si schianta contro muro: infermiere 57enne in gravissime condizioni

Un terribile incidente stradale ha coinvolto un’ambulanza della Croce Rossa questa notte. Lo schianto è…

19 ore ago