Categorie: NT - News

Rianima un gatto all’entrata del pronto soccorso e lo adotta

È accaduto ad Instanbul, in Turchia: Halil Akyurek, medico rianimatore, ha soccorso un gatto privo di sensi che era rimasto incastrato nella porta scorrevole del pronto soccorso. Intubato e sottoposto a massaggio cardiaco, il micio si è risvegliato. Per poi essere adottato dal suo salvatore… Un chiaro esempio di umanità, empatia e di rispetto per la vita.

Instanbul, la vecchia Bisanzio o Costantinopoli, è un autentico paradiso per i gatti: questi infatti sono benvoluti e curati da tutti i cittadini e possono essere avvistati per strada, nelle università, negli esercizi commerciali, nelle scuole e… addirittura nelle moschee durante gli orari della preghiera.

Neanche gli ospedali sono esenti dall’avvicendarsi continuo di questi pelosi e spesso paffuti ospiti, che si aggirano rimediando qua e là ciotole tronfie di cibo, tante carezze e soprattutto diversi invitanti termosifoni, presso i quali poter riposare in pace. Ed è proprio per cercare un po’ di calduccio che, verosimilmente, un bel micione bianco ha provato ad infilarsi nella porta scorrevole di un nosocomio della parte europea della città.

Ma è stato sorpreso dal fatto che un infermiere, alla fine del proprio turno di lavoro, stava uscendo per recarsi a casa ed ha attivato la porta. Così, calcolando male i tempi di “entrata”, il micio è rimasto incastrato nelle ante ed ha subito una forte pressione su torace e collo, che gli ha fatto perdere i sensi.

Fortunatamente, però, quel giorno in ospedale c’era il dott. Halil Akyurek, medico rianimatore, che non ha esitato un attimo ed è scattato in soccorso del felino in difficoltà: lo ha liberato da quella morsa micidiale, ha iniziato subito a praticargli il massaggio cardiaco (in modo molto simile a quello che si fa ai neonati) è riuscito ad intubarlo insieme ai suoi colleghi intervenuti per aiutarlo ed ha continuato con le manovre di rianimazione fino a che il micione non ha iniziato a mordicchiare spaventato le mani dei soccorritori.

Per stabilizzarlo e per sottoporlo a dei controlli accurati è stato poi prontamente allertato un medico veterinario; ma dopo circa un’oretta, il gattone era già in giro per i corridoi dell’ospedale, alla ricerca di coccole, calore e facendo incetta di crocchette saporite; festeggiando così, a suo modo, lo scampato pericolo.

Ma la giornata “fortunata” di questo micio non era ancora terminata. Già, perché Halil Akyurek, il medico intervenuto per salvargli vita, ha anche deciso di adottarlo ed ora posta quotidianamente, sul suo profilo Facebook, diverse foto insieme al suo nuovo candido amico.

Lo ha battezzato “Mucize”, che in turco significa “Miracolo”.

Alessio Biondino

Fonti: La Stampa, YouTube

Articoli correlati:

Empatia, dote innata e esclusivamente umana? La storia di Luc, gatto “infermiere”

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Asp Reggio Calabria: concorso per 77 infermieri

Con la delibera n°37 del 14/01/2021 l'ASP di Reggio Calabria indice un concorso pubblico a…

6 ore ago

Cellule staminali tumorali e resistenza alle terapie

In molti tumori identificata la presenza di cellule neoplastiche dotate di cellule staminali tumorali (Cancer…

7 ore ago

Infermiere specialista nel rischio infettivo: l’Acinetobacter baumannii

Acinetobacter baumannii e rifabutina: il farmaco per la tubercolosi uccide il superbatterio farmaco-resistente. Lo studio…

8 ore ago

Cellule cancerose vanno in letargo, così resistono alla chemioterapia

Le cellule cancerose sono in grado di ibernarsi quando una minaccia come il trattamento chemioterapico…

9 ore ago

Conseguenze del fumo nei pazienti con Crohn e colite ulcerosa

I pazienti con malattia infiammatoria cronica intestinale (IBD) che fumano sigarette o che le hanno…

10 ore ago

Il suicidio aumenta in pandemia. Chiusa la psichiatria del Fabio Perinei-Ospedale della Murgia.

La psichiatria dell'Ospedale della Murgia ha chiuso da diverse settimane per fare posto a un…

10 ore ago