Ricercatori inglesi sviluppano un test urine per rilevare il cancro alla prostata

Per valutare l'efficacia del test PUR, i ricercatori hanno reclutato 14 uomini sottoposti a esami rettali digitali, uno dei metodi principali per rilevare il carcinoma…

Con questo dispositivo, gli scienziati sperano di facilitare questo delicato momento per gli uomini ed evitare che vengano sottoposti a test di screening intrusivi, come un esame rettale digitale.

A conclusione dell’evento annuale che si svolge nel corso del mese di novembre organizzato dal movimento Movember, (da “Moustache”, parola inglese per baffi, e “November”) per raccogliere fondi e diffondere consapevolezza sul carcinoma della prostata ed altre patologie, i ricercatori della East Anglia University (UEA) e del Norfolk e Norwich University Hospital in Inghilterra hanno presentando un nuovo test per testare il cancro alla prostata.

La prostata rilascia continuamente secrezioni e quindi tutti i biomarcatori presenti in quelle secrezioni si accumulano durante la notte nelle urine di un individuo mentre sperimentano il periodo più lungo tra le escrezioni in un periodo di 24 ore. La prima minzione del giorno, quindi, è un livello coerente più alto e più coerente di biomarcatori.

Chiamato “PUR” (rischio di urina prostatica), il test si presenta sotto forma di un kit di raccolta. In questo studio pubblicato sulla rivista BioTechniques, i medici spiegano che sarà sufficiente per il paziente raccogliere le urine da casa per valutare il rischio di sviluppare il cancro alla prostata, che è la forma più comune di cancro negli uomini.

“Questo test esamina l’espressione genica nei campioni di urina e fornisce informazioni vitali sulla natura aggressiva o” a basso rischio “del cancro. Poiché la prostata viene costantemente secreta, la raccolta di urina dalle urine la prima minzione del giorno da parte degli uomini significa che i livelli di biomarcatori della prostata sono molto più alti e più coerenti, il che rappresenta un grande miglioramento”, afferma il dott. Jeremy Clark, ricercatore presso la facoltà di medicina della UEA e co – autore dello studio.

Il cancro alla prostata spesso richiede un monitoraggio poiché, secondo il dott. Jeremy Clark (UEA), “di solito si passa lentamente e la maggior parte dei tumori non tratta un trattamento nella vita di un uomo. Tuttavia, i medici fanno fatica a fornire quali tumori diventeranno aggressivi, rendendo difficile decidere il trattamento per molti uomini”.

Per valutare l’efficacia del test PUR, i ricercatori hanno reclutato 14 uomini sottoposti a esami rettali digitali, uno dei metodi principali per rilevare il carcinoma prostatico (con sangue, risonanza magnetica e biopsia). I partecipanti sono quindi tornati a casa, dove hanno dovuto sostenere il test PUR per una seconda valutazione del rischio di sviluppare il cancro alla prostata.

Gli scienziati hanno confrontato i risultati ottenuti da questi due test. “Abbiamo scoperto che i campioni di urina prelevati a casa hanno mostrato i biomarcatori del cancro alla prostata molto più chiaramente rispetto a dopo un esame rettale, e i commenti dei partecipanti hanno mostrato che i pazienti preferiscono eseguire il test a casa”, afferma. Dr. Clark.

Valuta l’aggressività del cancro. Questo nuovo dispositivo potrebbe anche essere utilizzato per valutare il livello di aggressività del cancro e quindi aiutare a determinare fino a cinque anni prima rispetto ai metodi clinici standard se i pazienti avranno bisogno di cure o meno.

“Ciò significa che un test negativo potrebbe consentire agli uomini di sottoporsi a un nuovo test ogni due o tre anni, il che ridurrebbe lo stress per il paziente e il carico di lavoro in ospedale”, afferma il dott. Clark. “Questa è una soluzione molto efficace per la salute, perché questo test ci dà l’opportunità di evitare esami non necessari per molti uomini”, afferma l’autore dello studio Robert Mills, un chirurgo consulente di urologia presso il Norfolk e il Norwich University Hospital. Se la data di disponibilità del test PUR non è ancora nota, gli autori dello studio sperano comunque di commercializzare il kit “presto”.

Il team di ricerca ora spera di vedere se il loro test può essere adattato per diagnosticare il cancro del rene e della vescica. In definitiva questa ricerca potrebbe portare a un regime di screening considerato migliorato per tutta una serie di tumori, che può essere usato per selezionare più pazienti e adattarsi facilmente ai loro regimi mattutini di campionamento.

Redazione Nurse Times

Fonte: www.biotechniques.com

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Tumore al colon-retto: due farmaci per contrastarlo

Per combattere il tumore al colon-retto metastatico c'è l'associazione di due anticorpi monoclonali: un farmaco a…

11 ore ago

Visite private non autorizzate senza fattura: interdetto medico in esclusivitĂ 

Misura interdittiva emessa nei confronti di E.G., medico dipendente dell’ASP di Ragusa. "Lo specialista, legato…

13 ore ago

Alle urne in sicurezza: tutte le regole

Per andare alle urne in sicurezza bisogna seguire scrupolosamente tutte le regole. Si vota, infatti,…

15 ore ago

Personale sanitario Riuniti Foggia: firmato il Contratto Integrativo aziendale 2016/2018

NovitĂ  per il personale sanitario dell'Azienda Ospedaliero-Universitaria Ospedali Riuniti di Foggia. Infatti, è stato firmato…

16 ore ago

Oms:“No al saluto con il gomito. Meglio la mano sul cuore”

Dopo avere quasi completamente abbandonato le strette di mano tra conoscenti ora l’umanitĂ  potrebbe dovere…

1 giorno ago