Riforma trasporto sanitario emergenza urgenza in Toscana, infermieri del Nursind “vigileremo sul proseguimento della legge”

Sanità, il sindacato Nursind sulla riforma del trasporto di emergenza urgenza “Ottenute importanti garanzie, vigileremo sul proseguimento della legge”

Il coordinatore regionale Giampaolo Giannoni “Fin dalle audizioni in 3^ Commissione regionale abbiamo chiesto la garanzia del servizio pubblico universalista e la presenza di tutti gli attori in ogni organismo di controllo, valutazione e formazione”.

Firenze, 23 dicembre 2019 – “Dotazione pubblica dei mezzi di soccorso, auto sanitaria pubblica, dipendenti del servizio sanitario nazionale, con la presenza di un soccorritore avanzato e presenza in tutti gli organismi di controllo, valutazione e formazione di tutti gli attori del servizio di emergenza urgenza, compresi gli infermieri: un risultato affatto scontato, al quale abbiamo contribuito attivamente e sul quale continueremo a monitorare”. Con queste parole Giampaolo Giannoni, coordinatore regionale del sindacato autonomo degli infermieri Nursind, commenta la riforma del trasporto sanitario di emergenza urgenza licenziata pochi giorni fa dalla Regione Toscana.

“Fin dalle audizioni in 3^ Commissione – dichiara Giannoni – abbiamo chiesto la garanzia del servizio pubblico e ottenuto importanti garanzie.

La legge che riorganizza il trasporto sanitario di emergenza urgenza è fondamentale, in quanto regola il rapporto con il volontariato e disciplina il diritto al soccorso, uguale per tutti i cittadini. In questo senso – sottolinea –  come Nursind abbiamo sempre ribadito come condizione imprescindibile che la dotazione dei mezzi fosse di natura pubblica, così come il personale di servizio”.

“Altro successo è stato quello di aver ottenuto che tutti gli organismi di controllo, valutazione e formazione vedano la presenza di tutti gli attori del servizio sanitario di emergenza urgenza, compresi gli infermieri”.

“Adesso – conclude il coordinatore regionale Nursind Giannoni vigileremo sul proseguimento della legge, a partire da decreti attuativi e regolamenti che disciplinano dotazioni tecnologiche, formazione e altri aspetti importanti. Sempre con l’obiettivo di un servizio pubblico universalista e uniforme sul territorio”.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Mobilità infermieri Puglia: pubblicata la graduatoria

Come avevamo annunciato ieri (Vedi articolo) la graduatoria della mobilità regionale ed extraregionale per 566…

3 ore ago

Infermiere responsabile dell’assistenza del percorso perioperatorio

L’infermiere responsabile dell’assistenza del percorso perioperatorio eroga in autonomia le cure durante tutta l’esperienza che…

4 ore ago

Scuole in ospedale, dopo il Covid non riaprono in Lombardia

Le scuole in ospedale non son solamente, per i piccoli pazienti, un luogo e un…

5 ore ago

Riforma del sistema ECM: “Accostare a sanzioni sistema premiante”

"Accostare a sanzioni sistema premiante, come uno sconto sui premi assicurativi" questa è l'idea del…

6 ore ago

Cellulite: i benefici delle calze a compressione graduata

La terapia compressiva aiuta a pompare e a svuotare i vasi sanguigni, garantendo una buona…

6 ore ago

Piemonte: intesa tra gli psicologi e le scuole

Siglato il Protocollo di Intesa tra l’Ordine degli Psicologi del Piemonte e l’Ufficio Scolastico Regionale…

7 ore ago