Roma, al San Giovanni Addolorata nasce l’alleanza tra chirurgia robotica e telemedicina

Dimesso in tempi brevi dopo un intervento, il paziente è seguito a distanza e può beneficiare di un consulto in diretta col suo chirurgo.

Il kit di telemedicina.
All’ospedale San Giovanni Addolorata di Roma, da circa tre mesi, è in atto una collaborazione virtuosa tra la UOSD Chirurgia generale con tecnica robotica breve e il servizio di telemedicina. Con tale collaborazione si intende assicurare al paziente operato una presa in carico che consenta una degenza più breve e un accurato follow-up dedicato. Ecco, in sintesi, la procedura applicata. Il paziente viene operato con la tecnica robotica, caratterizzata da una strumentazione tecnologica estremamente sofistica, macchinario che consente di operare con strumenti sottili e miniaturizzati, in grado di riprodurre i movimenti della mano del chirurgo. Ricordiamo che il San Giovanni è stato il primo ospedale del Lazio a installare il robot Da Vinci: oltre 3mila gli interventi eseguiti dal 2007. Dopo una breve degenza, l’assistito esce dall’ospedale in dimissione protetta e viene monitorato a distanza dalla propria casa grazie al servizio di telemedicina
. Al paziente dimesso è consegnata una strumentazione costituita da dispositivi che si collegano in modalità wireless a uno smartphone, attraverso cui vengono monitorati tutti i parametri che l’assistito invia da casa: elettrocardiogramma, pressione del sangue, glicemia, saturazione. A ciò si aggiunga la possibilità di un consulto in diretta con il chirurgo che ha eseguito l’intervento. I vantaggi per il paziente seguito in telemedicina sono una minore degenza post-operatoria, vivere in un ambiente protetto come il proprio domicilio e, soprattutto, la sicurezza e la tranquillità di essere seguito da un centro sanitario pubblico specializzato. Ad oggi, dalla Chirurgia robotica associata alla telemedicina sono stati trattati dieci pazienti. Soltanto per uno di loro, a causa dell’alterazione dei parametri inviati, si è reso necessario il rientro in ospedale. Redazione Nurse Times  
Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Chiuso il caso dell’ex assessore Venturi sulle ambulanze di soli infermieri

Conciliazione tra le parti e transazione. Si chiude così il conflitto tra l'Ordine dei medici…

2 ore ago

L’impatto sulla salute degli infermieri dei turni di 12 ore

Un recente studio è stato condotto per analizzare l'impatto che ha sulla salute mentale degli…

3 ore ago

A chi spetta l’obbligo di iscrizione all’albo infermieri

L’obbligo di iscrizione all’albo infermieri è a carico del datore di lavoro, presso le cui strutture il…

4 ore ago

L’ordine degli infermieri di Napoli diffida l’università Vanvitelli

L’Ordine delle professioni infermieristiche di Napoli ha diffidato formalmente l’Università degli Studi della Campania “Luigi…

4 ore ago

Infermiera vince la causa dopo essersi rifiutata di vaccinarsi contro l’influenza

Si torna a parlare dell'infermiera siciliana si è rifiutata di vaccinarsi contro l’influenza, come stabilito…

5 ore ago