Salute mentale, ecco l’app che aiuta il monitoraggio

Si chiama PROSIT e analizza l’uso che facciamo dello smartphone per rilevare eventuali diturbi come ansia o depressione.

Analizzare il tempo che passiamo con lo smartphone in mano potrebbe essere la chiave per misurare lo stato della salute mentale. E ciò che promette l’app PROSIT, sviluppata dai ricercatori della Dalhousie University e in grado di rilevare condizioni come ansia o depressione in base all’uso che facciamo del telefonino. Ciò include funzioni facilmente tracciabili come esercizio fisico, sonno, frequenza delle chiamate, cronologia dei messaggi e gusti musicali, ma anche un discreto numero di dati personali. La velocità e la forza di digitazione, ad esempio, possono suggerire uno stato emotivamente carico. Agli utenti viene anche chiesto di registrare una clip audio di 90 secondi che descriva la parte più emozionante della loro settimana e di auto-riportare i propri sentimenti su una scala di cinque punti.

Circa 300 persone stanno attualmente testando PROSIT e circa la metà di loro sono pazienti che soffrono di depressione o stati d’ansia

. Gli scienziati sono ben consapevoli dei problemi di privacy che potrebbe comportare il monitoraggio di molte delle cose che si fanno online. L’uso dell’app richiede infatti la firma di un modulo di consenso e i dati sono archiviati in un luogo sicuro. È improbabile che ne risulti un utilizzo illimitato, se non altro perché il potenziale per rubare i dati del profilo è molto reale.

Sebbene l’app non fornisca un quadro completo del benessere mentale di una persona, potrebbe aiutare gli psicologi a tracciare e comprendere meglio lo sviluppo dei loro pazienti al di fuori delle sessioni. Cosa importante soprattutto durante una pandemia, quando ai pazienti può essere garantito un servizio di teleassistenza soltanto periodico. Ciò potrebbe portare a trattamenti più mirati ed efficaci, almeno per quei pazienti che accettano di essere rintracciati e analizzati.

Redazione Nurse Times

 

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Smettere di russare: con una nuova pillola si può

Il farmaco combina gli effetti di atomoxetina e ossibutinina per alleviare i sintomi dell'apnea ostruttiva.…

8 minuti ago

Cellule staminali, un invertebrato marino ne svela i segreti

Si chiama Botryllus schlosseri e si trova facilmente anche nella Laguna di Venezia. Un gruppo…

2 ore ago

Arresto cardiaco notturno: donne più a rischio degli uomini?

Lo suggerisce uno studio condotto dai ricercatori del Cedars-Sinai Smidt Heart Institute di Los Angeles.…

3 ore ago

Covid-19, anticorpo sviluppato da IRB protegge contro virus e varianti

L’Istituto di Ricerca in Biomedicina ha creato una molecola artificiale capace di attaccare contemporaneamente due…

4 ore ago

Coronavirus, alleanza Sanofi-BioNTech per la produzione del vaccino Pfizer

Il gruppo farmaceutico francese, che ha problemi nello sviluppo del proprio siero anti-Covid, avrà accesso…

4 ore ago