Salute vascolare: esercizio fisico meglio del trattamento con testosterone

Lo sostengono gli autori di uno studio realizzato alla University of Western Australia di Perth.

Gli uomini di mezza età e più anziani con grande circonferenza vita e livelli di testosterone bassi/normali non guadagnano una migliore salute vascolare quando utilizzano una crema per integrare l’ormone, ma trarranno vantaggio da un programma di esercizio supervisionato, secondo nuovi dati pubblicati online su Hypertension.

Questo, insieme a un crescente corpus di letteratura, è in netto contrasto con l’idea che la terapia con testosterone è giustificata dal fatto che si tratta di “un ormone riparatore che preserva la salute”, scrivono gli autori dello studio, guidati da Lauren C. Chasland, della University of Western Australia di Perth. Nel 2015, ricordano i ricercatori, la Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha pubblicato una comunicazione di sicurezza che esorta alla cautela quando si usa il testosterone, seguita poi da più studi che suggeriscono il potenziale di danno, anche quando l’uso è indicato.

Per questa analisi i ricercatori avevano ipotizzato che testosterone ed esercizio fisico potessero, attraverso due meccanismi, avere un effetto additivo e positivo sulla funzione vascolare. “L’allenamento fisico sovraregola principalmente l’endotelio, e alcune prove suggeriscono che il trattamento con testosterone migliora la funzione vascolare dei muscoli lisci negli uomini con malattia coronarica”, spiegano.

Con sorpresa degli autori, non è stato così. “Ci aspettavamo che gli uomini che ricevevano sia il trattamento con testosterone che l’allenamento per l’esercizio fisico avessero il più grande miglioramento della funzione vascolare – affermano -. Invece, abbiamo scoperto che mentre l’allenamento fisico migliorava la funzione vascolare, il trattamento del testosterone no, né il testosterone ha migliorato l’effetto dell’allenamento dell’esercizio fisico”.

Coinvolti 80 uomini di età compresa tra 50 e 75 anni – Lo studio di 12 settimane ha arruolato 80 uomini di età compresa tra 50 e 75 anni che avevano un girovita che misurava =/> 95 cm e livelli di testosterone nel siero da 6 a 14 nmol/l. In un disegno fattoriale 2×2, i partecipanti sono stati randomizzati a un preparato transdermico (testosterone 5.0% w/v, 100 mg /2 mL) o placebo corrispondente e all’esercizio supervisionato (aerobico e forza, da due a tre volte alla settimana) o nessun esercizio aggiuntivo. Sono stati esclusi i fumatori attuali e uomini già in trattamento con testosterone o farmaci che influenzano il livello di testosterone.

L’aderenza al testosterone auto-segnalata era del 97,6%, e il 96,5% di quelli assegnati all’esercizio fisico ha partecipato almeno due volte alla settimana. La terapia ormonale ha aumentato i livelli di testosterone nel siero, in modo tale che il 62% di coloro che lo ricevevano aveva livelli superiori a 14 nmol/l, rispetto al 29% di coloro che ricevevano placebo. In termini di fattori di rischio, né testosterone né esercizio fisico influivano in modo differente l’indice di massa corporea, il peso, la circonferenza vita, il livello di glucosio, o il livello del colesterolo-HDL.

Modificazioni rilevate nello studio a disegno fattoriale 2×2 – L’emoglobina A1c è diminuita leggermente in entrambi i gruppi di testosterone (per esempio, con o senza esercizio fisico). Il  colesterolo totale è diminuito con testosterone più esercizio fisico ma è aumentato con testosterone da solo. L’ormone ha aumentato la pressione arteriosa sistolica, una differenza che i ricercatori attribuiscono a una diminuzione nei gruppi placebo. Il testosterone era anche collegato all’aumento della pressione arteriosa diastolica. Con l’esercizio fisico, la frequenza cardiaca a riposo è stata ridotta.

I dati sui risultati vascolari erano disponibili per 78 persone. La dilatazione mediata dal flusso (FMD) è aumentata con l’esercizio fisico aggiunto (P = 0,003) ma non con il testosterone rispetto al placebo (P = 0,111). Nessuna delle due opzioni ha influenzato la risposta al trinitrato di glicerile. I ricercatori affermano che i guadagni visti qui con l’esercizio fisico saranno probabilmente significativi. Per quanto riguarda ciò che i medici dovrebbero dire ai loro pazienti, affermano che il messaggio principale è che “se gli uomini vogliono migliorare la salute delle loro arterie, l’esercizio fisico (a condizione che non ci siano preoccupazioni mediche o limitazioni fisiche) sarebbe il modo per farlo. Il testosterone – proseguono non sembra migliorare la funzione vascolare, almeno per un periodo di tempo di 12 settimane”.

Nel loro articolo, gli autori vanno oltre, consigliando che “la cautela dovrebbe essere applicata quando si prescrive il testosterone se l’obiettivo primario è il miglioramento della funzione arteriosa e della salute”. Il gruppo spera di fare uno studio più ampio e lungo che guardi ad altre misure di salute del cuore. “La domanda importante rimane: qual è l’effetto del trattamento del testosterone sulle arterie coronarie e sul cuore?” scrivono.

Michael Emery, della Cleveland Clinic, non coinvolto nello studio, afferma che la domanda è interessante. È importante sottolineare, dice, che lo studio «non riguardava gli uomini che erano veramente patologicamente ipogonadici ma è stata esaminata un tipo di “zona grigia” con testosterone basso/normale negli uomini più anziani, un enorme obiettivo per la pubblicità».

Emery aggiunge che, mentre gli effetti osservati dell’allenamento sull’esercizio fisico sulla funzione endoteliale erano piccoli, ciò potrebbe essere dovuto al fatto che il programma prevedeva quello che «sembra essere un esercizio di intensità moderata al di sotto degli attuali livelli raccomandati» di 150 minuti settimanali. «Quello che vedo è che l’esercizio continua a vincere», conclude, sottolineando che «qualsiasi quantità dallo scendere dal divano e muoversi migliora i risultati cardiovascolari».

Redazione Nurse Times

Fonte: PharmaStar

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Apnee notturne, spot Aai su rischi incidenti stradali e lavoro

Dal 28 marzo in onda su reti Mediaset e dal 2 maggio su la7  Un…

54 minuti ago

Grande pressione sulle aziende sanitarie piemontesi per i ricoveri Covid

È impellente procedere alle assunzioni per avere nuovo personale da impiegare La terza ondata della…

2 ore ago

Coronavirus, eventi avversi dopo vaccinazione sono di scarsa o nulla rilevanza clinica

Lo dicono i dati a un mese dalla seconda dose di vaccino Pfizer-Biontech somministrato ai…

4 ore ago

Scoperta IEO: troppi antibiotici possono alterare il sistema immunitario intestinale

C'è il rischio di sviluppare malattie infiammatorie e diminuire l’efficacia delle terapie anticancro. Un gruppo…

5 ore ago

Malnate (Varese), la sindaca infermiera vaccina gli anziani contro il Covid

Irene Bellifemine, originaria di Molfetta (Bari), è impegnata personalmente nella campagna vaccinale, specie a domicilio.…

5 ore ago

Coronavirus, via libera delle Regioni a linee guida più snelle sui punti vaccinali

Approvata una nuova versione del documento redatto dalla Protezione civile. Dopo aver sollevato alcune perplessità…

6 ore ago