Saverio Pepe, un “artista poliedrico e non solo”, conosciuto come cantautore, autore, conduttore ed Entertainment, afferma che “un infermiere è l’angelo custode degli ammalati. Un non-amico/amico, un non-parente/parente, un non-paziente/paziente, un non-medico/dottore, una persona da ringraziare ogni giorno per quello che ha fatto per te”.

“Finalmente! Oggi gli infermieri sono dei professionisti laureati. Per poter lavorare al fianco dei medici devono poter parlare la stessa lingua e devono conoscere tutte le procedure da adottare con i vari casi. E’ giusto e opportuno che abbiano un titolo di studio importante, che possa permettere loro di avere una formazione di base sulla quale edificare con estrema professionalità l’esperienza lavorativa. Il tutto a vantaggio, ovviamente, dei pazienti”.

Nella sua esperienza personale Saverio Pepe ha avuto suo padre che, a seguito di uno stato di coma, è stato costretto per diversi anni a letto e quindi, quotidianamente, lui e i suoi familiari si sono relazionati con gli infermieri per le medicazioni. “Ne abbiamo conosciuti diversi, molto bravi e attenti. Non ci hanno mai deluso. Ed a seguito di quella esperienza non affiderei un mio caro ad un infermiere a caso, ne verificherei oltre che la preparazione specifica anche la carica umana, indispensabile per chi decidesse di intraprendere questa professione/missione”.

Conclude l’intervista lanciando un appello: “Cari politici e uomini responsabili della salute pubblica, gli infermieri sono il vero e proprio motore degli ospedali, sono la mano forte di ogni paziente, sono la speranza dei loro familiari. Credo che il loro lavoro sia indispensabile tanto quanto lo è quello dei medici. Sono sempre pochi, quelli che ci sono vengono sottoposti ad un enorme carico di lavoro e di stress a danno di sè stessi e delle persone le cui cure sono loro affidate. Il mio invito è quello di porre tutta l’attenzione a questa categoria di lavoratori che negli anni ha dimostrato di meritarsi un posto d’onore nella nostra organizzazione sociale. SBLOCCATE LE ASSUNZIONI NELLA SANITA’ PUBBLICA”.

www.saveriopepe.it

Savino Petruzzelli