Scandalo sanità lucana e barese: restano ai domiciliari Montanaro e Fruscio, torna libero Meale

Il Tribunale del riesame di Potenza ha rigettato la richiesta di scarcerazione per l’ex direttore generale e il responsabile anticorruzione della Asl Bari. Libertà concessa, invece, al docente universitario.

Vito Montanaro, ex direttore generale e commissario straordinario della Asl Bari resta ai domiciliari. Il Tribunale del riesame di Potenza ha rigettato la richiesta di scarcerazione presentata dai legali. Identica sorte è toccata all’avvocato Luigi Fruscio, responsabile anticorruzione della stessa Azienda sanitaria locale. Libertà concessa, invece, al professor Agostino Meale, docente di Diritto amministrativo all’Università di Bari, indagato per corruzione.

È l’esito degli ultimi ricorsi presentati nell’ambito dell’inchiesta sulla gestione della sanità in Basilicata, che ha portato anche all’arresto del presidente del governatore lucano Marcello Pittella. Una bufera scoppiata il 6 luglio scorso. Il risvolto barese dell’inchiesta ha sollevato dubbi sulla legittimità dell’assunzione di Fruscio, accusato con Montanaro di abuso d’ufficio e rivelazione di segreti d’ufficio.

Secondo la Procura di Matera, Montanaro, sospeso dopo l’arresto, è intervenuto in modo illegittimo, rivolgendosi all’ormai ex commissario straordinario della Asl di Matera, Pietro Quinto, per agevolare il posizionamento in graduatoria di Fruscio. Il concorso è quello indetto nel giugno del 2017 per un posto di dirigente alla Asm

. Il miglior punteggio, secondo gli inquirenti “attribuito a tavolino”, avrebbe consentito a Fruscio lo “scorrimento della graduatoria con assunzione presso altre aziende locali”.

Montanaro avrebbe anche passato a Fruscio le tracce della prova, ricevute direttamente da Maria Benedetto, direttore amministrativo dell’Asm e presidente della commissione esaminatrice. Dal canto suo, l’ex direttore generale della Asl di Bari continua a professarsi estraneo ai fatti. I difensori stanno preparando il ricorso in Cassazione.

Come detto, è tornato invece libero il professor Agostino Meale, che a detta di chi lo ha arrestato avrebbe approfittato della sua posizione per agevolare la carriera professionale e personale del figlio di Pietro Quinto in cambio di consulenze legali ottenute dalla Asl di Matera, dal San Carlo di Potenza e dalla stessa Asl di Bari per circa 60mila euro.

Redazione Nurse Times

Fonte: il Quotidiano Italiano

 

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Covid: danni sul sistema cardiovascolare

L’infezione da SARS-CoV 2, nelle sue forme più gravi, coinvolge contemporaneamente più apparati, come anche quello…

12 ore ago

La resilienza degli stolti

“La nostra società è molto simile ad una volta di pietre: cadrebbe, se le pietre…

12 ore ago

L’infermiere specialista in anestesia: ruoli e competenze

Quella dell’infermiere specializzato in Anestesia è una figura professionale che da tempo si è affermata…

13 ore ago

Dal 15 giugno in Europa un passaporto vaccinale

Quando questa pandemia finirà? Gli esperti concordano sul fatto che dovremo convivere con il coronavirus…

13 ore ago

Ordini del Veneto: “No a scelte che mettono a rischio professionisti e assistiti”

“La delibera n. 305/2021 della Regione Veneto, che apre alla possibilità di utilizzare gli Operatori…

14 ore ago