Schiavon sull’aumento delle partite iva tra gli infermieri: “C’è chi ne approfitta”

Il presidente dell'Enpapi, intervistato nella rubrica "Faccia a faccia" del nostro giornale, ha puntato il dito contro gli intermediari

Il presidente dell’Enpapi, intervistato nella rubrica “Faccia a faccia” del nostro giornale, ha puntato il dito contro gli intermediari che in sanità sfruttano i giovani laureati. “Nella Commissione paritetica con la Federazione stiamo lavorando perché cambi questo sistema di mercato”

ROMA – Il popolo delle partite Iva cresce anche nel mondo infermieristico.

Fenomeno che, però, ha una sua doppia lettura; perché se da una parte cresce la consapevolezza, anche da parte degli infermieri di essere liberi professionisti e quindi pronti a mettersi sul mercato, dall’altra l’apertura della partiva iva, da parte dei nei laureati, è quasi una necessità o, per dirla con le parole del presidente dell’Enpapi, Mario Schiavon, una sorta di sondaggio: “per vedere se si trova qualcosa da fare. E questo è abbastanza triste – aggiunge immediatamente il numero uno dell’Ente di previdenza per la professione infermieristica – perché noi dovremmo dare una speranza diversa ai nostri giovani”.

La crescita delle partite iva tra gli infermieri è uno degli argomenti affrontati nello speciale “Faccia a faccia” realizzato da Nurse Times con Mario Schiavon (VEDI).

Tema di stringente attualità e per certi aspetti anche da maneggiare con cura.

“Alle strutture pubbliche – dichiara il presidente dell’Enpapiin questo momento conviene dare lavoro a chi è in possesso della partita iva perché c’è una registrazione contabile diversa rispetto al rapporto di dipendenza. Le esternalizzazioni, ad esempio, hanno questo tipo di motivazioni”.

Poi è anche vero che i neo laureati in infermieristica aprono una partita iva per concedersi qualche chances in più sul mercato del lavoro.

Infine c’è la parte più antipatica della vicenda: gli intermediari (le cooperative soprattutto) che sfruttano gli infermieri neo laureati, proponendo rapporti di lavoro con la partita iva, ma utilizzandoli come veri e propri dipendenti.

Una sorta di filiera da spezzare, un sottobosco da far emergere. “Nella commissione paritetica tra Enpapi e Federazione Ipasvi, – conclude Schiavon – stiamo lavorando in questa direzione perché cambi il sistema del mercato del lavoro e dello sfruttamento che molti intermediari fanno dei nostri giovani”.

 

Salvatore Petrarolo

Salvatore Petrarolo

Leave a Comment
Share
Published by
Salvatore Petrarolo

Recent Posts

Si celebra oggi la Giornata mondiale della poliomielite

24 ottobre è oggi la Giornata mondiale della poliomielite Nel 1988, quando l'Organizzazione Mondiale della…

10 ore ago

Tragico incidente sulla statale 119: morti un medico ed un oss

Un tragico incidente stradale è costato la vita ad un medico e ad un operatore…

12 ore ago

Bando Protezione Civile per infermieri a supporto del territorio

Per far fronte alle esigenze straordinarie ed urgenti derivanti dalla diffusione del Covid-19, in particolare…

13 ore ago

”Ogni giorno vivo col terrore di ricevere un tampone positivo o che la mia U.O. torni a essere di nuovo area Covid. ”

4:39 AME pensare che una povera illusa (dato che il periodo da EROINA DEL POPOLO…

13 ore ago

Maxi focolaio in una rsa di Triggiano: 90 contagi

Due nuovi focolai nel barese: in una rsa e in una struttura residenziale socio-sanitaria. Nella…

13 ore ago