Si parla tanto di Covid, ma qual è la verità?

“La domanda è: alla velocità con cui si saturano i reparti sapremo dove fornire assistenza respiratoria, terapeutica a TUO fratello, a TUA zia e alla TUA anziana nonna?”. Riceviamo e pubblichiamo la testimonianza di Gianluca Frisone sulla pandemia.

Generalmente non pubblico post né trascrivo pensieri sui social network ma c’è una questione che mi sta davvero a cuore.

Ogni santo giorno da ormai 9 mesi, accendiamo la tv e non si fa altro che parlare di questo dannato COVID: numeri, statistiche, dpcm, mascherine, tamponi ,virologi e chi può ne ha più ne metta. Tante, tantissime notizie e alla fine non capiamo più nulla, tante notizie che si negano una con l’altra , e alla fine per molti non esiste il virus o peggio <<è tutto un complotto>>.

Ma la verità è un altra:

La verità è che il mio reparto di medicina é diventato un reparto dedicato al Covid, la verità è che in poco più di 12 ore, il reparto ha raggiunto la capienza massima stabilita per il primo giorno di apertura; la verità è che ci sono GIOVANI ricoverati SENZA patologie pregresse; la domanda è: alla velocità con cui si saturano i reparti sapremo dove fornire assistenza respiratoria, terapeutica a TUO fratello, a TUA zia e alla TUA anziana nonna?

L’ invito a restare a casa, a limitare i contatti, all’ uso della mascherina sta anche a scongiurare il disastro del collasso sanitario. La gente si contagia a vista d’occhio e non sono chiacchiere, l’ho visto attraverso gli occhi stanchi, il casco, la tuta che mi accompagnano durante il lavoro. La gente non si ammala solo di COVID, continua ad avere ictus, carcinomi, fratture, appendiciti e proprio per questo non possiamo permetterci di essere incoscienti, non possiamo permetterci di aggravare la situazione del nostro servizio sanitario.

Non apro le parentesi interminabili sulle restrizioni ai liberi professionisti tutti, perché non ho le competenze di discuterne, me ne vogliate perdonare. Posso solo commuovermi difronte a chi si dispera per terra, difronte alle proprie attività commerciali, ristoranti, bar, cinema, teatri e ogni altra attività coinvolta; vi ringrazio tutti per i servizi che offrite e mi scuso per i sacrifici che vi impongono di fare.

Voglio ringraziare inoltre, tutti quei professionisti sanitari e non, che da mesi, lavorano duramente nei reparti COVID o con pazienti COVID, dove tute, maschere, occhiali, caschi sono diventati la loro seconda pelle. Lo sforzo enorme dimostra i veri professionisti che siamo e ancor prima le donne e gli uomini che si nascondono li sotto quelle tute, non possono che essere persone straordinarie pronte a rischiare per la professione che hanno accettato di esercitare, per i valori a cui hanno deciso di credere, e per il bene della comunità tutta, che trova di certo radice nell’etica, nella deontologia e nella più bella del mondo: la Costituzione Italiana.

Gianluca Frisone

Il messaggio ci arriva sulla nostra pagina Facebook. Inviateci la vostra testimonianza a redazione@nursetimes.org

Cristiana Toscano

Leave a Comment
Share
Published by
Cristiana Toscano

Recent Posts

Riconoscimento precoce dell’aggravamento del paziente pediatrico: PEWS

Il riconoscimento precoce dell’aggravamento del paziente pediatrico è un obiettivo fondamentale dell’assistenza in pediatria. Vari…

3 minuti ago

Sanità Emilia Romagna. Al via la mobilitazione nelle aziende del SSR contro il calo del salario

Raccolta firme Emilia Romagna. Al via la mobilitazione nelle aziende del SSR contro il  calo…

2 ore ago

Una storia molto triste, testimonianze di infermieri

"A casa sarei peggiorata fino a morire, lo so che non vedrò più mio marito…

3 ore ago

Risonanza magnetica cardiaca in piena attività anche in emergenza Covid

Malgrado la paura generale a recarsi in ospedale per effettuare gli esami di routine, in…

4 ore ago

Torino, trapianto di fegato salva la vita a bimba di tre anni: la donatrice (vivente) è la mamma

La piccola, affetta da una rara malattia congenita del fegato, è stata operata all’ospedale Molinette…

6 ore ago