Sicilia, approvati ddl su infermiere pediatrico e sicurezza degli operatori sanitari

Il primo relatore è l’onorevole De Domenico: “Risultato importante per la qualità del nostro Sistema sanitario”. Il parlamento siciliano ha approvato due disegni di legge…

Il primo relatore è l’onorevole De Domenico: “Risultato importante per la qualità del nostro Sistema sanitario”.

Il parlamento siciliano ha approvato due disegni di legge aventi ad oggetto la “Istituzione di un Osservatorio regionale sulla sicurezza degli operatori sanitari” e il “Riordino del settore dell’assistenza nelle aree pediatriche”. Primo firmatario e relatore in aula, l’onorevole Franco De Domenico (foto), componente della Commissione Sanità, che ha dichiarato: “I due disegni di legge sono stati approvati all’unanimità, e di questo ringrazio i miei colleghi della Commissione Sanità, tutti i deputati del Parlamento e il Governo, che ha espresso parere favorevole. Lo considero un importante risultato della mia attività di parlamentare, perché mi permette di rendere concreto il quotidiano impegno nella sanità, finalizzato a migliorare gli standard qualitativi del nostro Sistema sanitario, rendendolo competitivo con le migliori esperienze del nostro Paese”. Il prima provvedimento affronta la questione della sicurezza degli operatori sanitari nei presidi sanitari siciliani, che negli ultimi anni ha assunto una rilevanza tale da rendere non più rinviabile un intervento legislativo dell’Assemblea regionale. Tanti sono infatti gli episodi di violenza, intimidazione e prevaricazioni varie che hanno interessato i soggetti operanti a vario titolo nel settore dell’assistenza sanitaria. Da qui la previsione di un Osservatorio regionale
 con obbiettivi ben precisi: monitorare i rischi per la sicurezza degli operatori sanitari nell’ambito dell’espletamento delle loro funzioni ed elaborare un report annuale sul tema; promuovere iniziative volte al contrasto e alla prevenzione degli episodi di violenza a danno degli operatori sanitari, nonché alla riduzione dei fattori di rischio presenti nei presidi sanitari; attivare campagne di comunicazione finalizzate all’informazione e alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica sul tema della sicurezza degli operatori sanitari. Il secondo provvedimento punte invece riordinare il settore dell’assistenza nelle aree pediatriche delle aziende ospedaliere, delle aziende ospedaliero-universitarie e dei presidi ospedalieri siciliani attraverso la previsione di una riserva di posti nei concorsi a favore delle figure dell’infermiere pediatrico. “L’introduzione di tale figura – ha spiegato ancora De Domenicoconsente di migliorare l’offerta assistenziale ai soggetti in età pediatrica, la cui tutela rappresenta una priorità per il Sistema sanitario. Inoltre offre un adeguato sbocco professionale ai professionisti formati attraverso uno specifico percorso di studi, previsto dagli ordinamenti universitari”. Redazione Nurse Times  
Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Opi Potenza riparte dai giovani: intervista al nuovo presidente Serafina Robertucci

Il movimento Infermieri in Ordine ha vinto le elezioni per il rinnovo del direttivo, scalzando…

3 ore ago

Coronavirus, “Epidemia in rapido peggioramento”: le restrizioni spiegate dal report del ministero

Ecco cosa dice il documento relativo al periodo 12-18 ottobre 2020. “L’epidemia è in rapido peggioramento e…

4 ore ago

Coronavirus, primo sanitario deceduto in Calabria: è un’infermiera di Catanzaro

La collega, 56enne, prestava servizio nell’Unità Breast Unit dell’ospedale “Pugliese-Ciaccio”. Si allunga l'elenco di morti…

6 ore ago

Coronavirus, Nursind a Regione Umbria: “Servono assunzioni e test”

Di seguito la lettera, a firma del coordinatore regionale Marco Erozzardi, inviata alla governatrice Donatella…

6 ore ago

Coronavirus, nuovo report Nursing Up: “Impietosi i dati della carenza di personale”

Il presidente del sindacato, Antonio De Palma, lancia l'allarme relativo alle regioni Lombardia, Campania, Piemonte…

7 ore ago

Nuovo Dpcm, continuano le proteste nelle città italiane

Diverse manifestazioni, dai toni non sempre pacifici, hanno avuto luogo a Milano, Torino, Napoli, Trieste...…

7 ore ago