Solo un dottore su tre vuole fare tamponi rapidi

Solo il 38% dei medici di famiglia si è detto disposto a fare tamponi rapidi. Inoltre, non solo un dottore su tre vuole fare tamponi rapidi, ma di questi molti sono quelli che stanno aspettando che la propria Asl indichi un luogo più sicuro del proprio studio dove effettuare i test sui propri pazienti senza rischiare di infettare chi è in sala d’attesa.

Se Valle d’Aosta e Trento dichiarano di aver avuto il 100% di adesioni, Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata e Sardegna non sanno ancora quanti dottori potranno contare perché gli accordi territoriali con i diretti interessati li hanno da poco firmati (riporta La Stampa – P. Russo). Intanto, il Piemonte è fermo al 35%, la Lombardia al 25, la Toscana al 16 e le Marche all’8%.

Nella gestione dell’emergenza la grande assente la medicina del territorio. Esempio palese: sulla carta, in molte occasioni, è rimasta la figura dell’infermiere di famiglia. Dei 9600 infermieri da assumere, con gli 818 milioni stanziati per il biennio 2020-21 dal Decreto agosto, ne sono stati arruolati a malapena il 10% (meno di un migliaio). Ora gli ospedali sono sono al collasso e arriva anche l’accusa alle Regioni della Corte dei Conti.

Cristiana Toscano

Leave a Comment
Share
Published by
Cristiana Toscano

Recent Posts

Dentro quella tuta, casco e maschera stavano scendendo lacrime per Angelina

Angela era una tenera nonna arrivata da noi un po’ di tempo fa Appena entrata…

1 ora ago

Nuovo rapporto SDO: calo dei ricoveri per acuti, incremento delle lungodegenze

Il Rapporto SDO è un importante documento, a cura della Direzione generale della programmazione sanitaria…

4 ore ago

In Germania: calano i casi, ma si rafforza il lockdown

La Germania ha esteso e rafforzato il lockdown nazionale nonostante il lento calo dei numeri…

4 ore ago

L’immunità contro il SarsCov2 dura almeno sei mesi dopo la malattia

Può durare come minimo sei mesi, l'immunità contro il virus SarsCov2. A dirlo è una…

5 ore ago

Sconfiggere il neuroblastoma con l’immunoterapia, lo studio

Sono stati identificati due nuovi marcatori cellulari e genetici in grado di predire la sopravvivenza…

7 ore ago

Coronavirus, accertati gli effetti positivi della vitamina D

Uno studio italiano, pubblicato su Nutrients, ha evidenziato la diminuzione di decessi e trasferimenti in…

7 ore ago