Suicidio: i fattori di rischio più frequenti secondo l’Iss

L’Istituto Superiore di Sanità ha eseguito un’analisi in occasione della Giornata mondiale per la prevenzione.

Eventi avversi, abusi, depressione post partum e misure restrittive di distanziamento sociale sono tra i fattori di rischio per il suicidio e per gli atti di autolesionismo più frequenti. E’ l’analisi eseguita dagli esperti dell’Istituto Superiore di Sanità, e basata sugli studi attualmente disponibili, in occasione della Giornata Mondiale per la prevenzione del suicidio, che ricorreva ieri, 10 settembre.

Molti studi, infatti, hanno documentato un’associazione tra abusi e violenze subite in età infantile, e ideazione suicidaria e tentativi di suicidio sia nel periodo dell’infanzia/adolescenza che nel corso della vita. L’abuso sessuale nell’infanzia sembra essere un fattore di rischio per suicidio persino più forte di quello rappresentato da una storia di comportamenti suicidari nella famiglia.

“Nonostante la prevenzione del suicidio sia stata individuata come obiettivo prioritario dai maggiori organismi internazionali – dice Monica Vichi (Iss) – solo pochi Paesi nel mondo hanno sviluppato una strategia nazionale per la prevenzione del suicidio, e l’Italia non è ancora tra questi. Tuttavia l’Iss è da anni impegnato nello studio dell’epidemiologia e dei fattori di rischio con l’obiettivo di fornire informazioni di qualità per l’implementazione politiche di prevenzione efficaci, e interventi mirati anche a livello di comunità”

.

Un esempio è la task force europea sul suicidio materno e la depressione post partum, di cui l’Iss è rappresentante italiano: l’obiettivo è quello di individuare non solo i fattori di rischio, ma anche gli strumenti di valutazione più adeguati per aiutare i clinici e gli operatori sanitari.

Secondo i dati Istat dell’Indagine sulle cause di morte, nel nostro Paese 3.780 persone si sono tolte la vita nel 2016, ma il suicidio si può prevenire se si riesce a intervenire sulla sofferenza psicologica. L’attuale crisi sanitaria, per esempio, con le conseguenze economiche e sociali che comporta, potrebbe essere un altro fattore di rischio suicidio. Tra i fattori di rischio che gli esperti hanno elencato, legati alla pandemia di Covid-19, vi sono al primo posto il distanziamento sociale, l’aumento del consumo di alcol, la violenza domestica, la paura del contagio, lo stress e burnout per medici e operatori sanitari.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Torino, trapianto di fegato salva la vita a bimba di tre anni: la donatrice (vivente) è la mamma

La piccola, affetta da una rara malattia congenita del fegato, è stata operata all’ospedale Molinette…

1 ora ago

Coronavirus, ecco il farmaco che lo “intrappola” nelle cellule infettate

Si chiama Indolo-3 Carbinolo (I3C) ed è un composto naturale che potrebbe essere utilizzabile come antivirale…

3 ore ago

Tumori, metanalisi dimostra efficacia della combinazione nivolumab-ipilimumab

Il lavoro ha esaminato sette studi condotti fra il 2010 e il 2020 su più…

4 ore ago

Concorso infermieri Estar Toscana: convocazioni per le prove scritta e pratica

La selezion porterà all’assunzione immediata di un infermiere all’Aou Careggi, ma anche alla formazione di 11…

6 ore ago