Terapia con statine: i benefici di Evolocumab

Un team di ricercatori giapponesi ha dimostrato che l'anticorpo monoclonale non solo esercita una potente riduzione del colesterolo-LDL sierico, ma attenua anche la progressione dello…

Un team di ricercatori giapponesi ha dimostrato che l’anticorpo monoclonale non solo esercita una potente riduzione del colesterolo-LDL sierico, ma attenua anche la progressione dello spessore intima-media carotideo (IMT), senza causare effetti avversi gravi.

Evolocumab, anticorpo monoclonale completamente umano mirato alla proproteina convertasi subtilisina/kexina di tipo 9 (PCSK9), non solo esercita una potente riduzione del colesterolo-LDL sierico, ma attenua anche la progressione dello spessore intima-media carotideo (IMT) nei pazienti in terapia con statine, senza causare effetti avversi gravi. È la conclusione principale di uno studio condotto da un team di ricercatori giapponesi, pubblicato sul Journal of Clinical Medicine.

Il colesterolo HDL sierico, i trigliceridi e l’IMT carotideo sono stati associati al cambiamento dell’IMT carotideo stesso durante la somministrazione di evolocumab, specificano gli autori, guidati da Keiji Hirai, del Saitama Medical Center della Jichi Medical University. Questi risultati, aggiungono, suggeriscono che evolocumab protegge dall’aterosclerosi carotidea in questi pazienti.

«L’IMT – ricordano gli autori – è un marker surrogato della malattia aterosclerotica. La misurazione dell’IMT carotideo mediante ecografia è facile, non invasiva e ripetibile. Inoltre, diversi studi hanno riportato che un aumento dell’IMT carotideo è associato a un rischio più elevato di sequele aterosclerotiche, tra cui malattia coronarica e ictus».

Evolocumab, agente anti-PCSK9, riduce la concentrazione di colesterolo delle lipoproteine a bassa densità (LDL) circolanti del 60-70% nei pazienti ad alto rischio di eventi cardiovascolari e che sono in terapia con statine. «Un recente studio controllato randomizzato ha mostrato che evolocumab ha ridotto la progressione dell’aterosclerosi coronarica nei pazienti trattati con statine – scrivono Hirai e colleghi -. Tuttavia rimane incerto se evolocumab possa ridurre la progressione dell’aterosclerosi carotidea nei pazienti che assumono statine. Inoltre i fattori associati alla regressione dell’aterosclerosi carotidea durante il trattamento con evolocumab non sono stati ancora determinati. Pertanto, spiegano, nel presente studio, abbiamo determinato gli effetti di evolocumab sull’IMT carotideo e i fattori associati al cambiamento dell’IMT carotideo, nei pazienti che assumono una statina».

In 229 pazienti trattati con statine è stata analizzata retrospettivamente la variazione dell’IMT carotideo medio e massimo prima e dopo l’inizio del trattamento con evolocumab, spiegano i ricercatori. Sono stati valutati anche i cambiamenti in parametri clinici, comprese le concentrazioni sieriche di lipidi. Evolocumab è stato somministrato per via sottocutanea alla dose di 140 mg ogni 2 settimane nello stesso giorno della settimana. La variazione dell’IMT medio e massimo carotideo è stata confrontata tra i 12 mesi prima e i 12 mesi dopo l’inizio del trattamento con evolocumab. I fattori che erano indipendentemente associati alla variazione dell’IMT medio e massimo carotideo durante la somministrazione di evolocumab sono stati analizzati utilizzando l’analisi di regressione lineare multipla.

Evolocumab – riportano Hirai e coautori – ha ridotto significativamente l’aumento dell’IMT medio e massimo carotideo (da 0,09 +/- 0,13 mm/anno a -0,04 +/- 0,16 mm/anno, p <0,001 e 0,17 +/- 0,38 mm/anno a 0,08 +/- 0,47 mm/anno, p = 0,02). Inoltre, proseguono i ricercatori, evolocumab ha ridotto le concentrazioni sieriche di colesterolo totale, lipoproteine-colesterolo a bassa densità, trigliceridi e lipoproteine (a) (ciascuna p <0,001) e ha aumentato le concentrazioni sieriche di colesterolo lipoproteine ad alta densità (HDL) (p = 0,01). L’analisi di regressione lineare multipla ha rivelato che la variazione del colesterolo HDL (coefficiente standard (β) = -0,120, p = 0,04) e la media carotidea IMT (β = -0,467, p <0,001) erano indipendentemente correlate con la variazione della media carotidea IMT durante la somministrazione di evolocumab, mentre la variazione del colesterolo HDL (β = -0,208, p = 0,002) e del log-trigliceride (β = -0,167, p = 0,01) erano correlatai indipendentemente con la variazione dell’IMT massimo carotideo.

«Evolocumab – concludono gli autori – ha ridotto l’aumento dell’IMT carotideo nei pazienti che assumevano una statina. Questi risultati suggeriscono che evolocumab è protettivo contro l’aterosclerosi carotidea nei pazienti sottoposti a terapia con statine».

Ulteriori punti chiave dello studio

  • Evolocumab protegge dall’aterosclerosi carotidea, anche aumentando la concentrazione di colesterolo HDL e diminuendo la concentrazione di trigliceridi, nei pazienti sottoposti a terapia con statine.
  • Evolocumab aumenta l’assorbimento del colesterolo LDL sierico da parte degli epatociti attraverso l’inibizione della clearance del recettore del colesterolo LDL e aumenta l’espressione del trasportatore A1 della cassetta legante l’ATP nei macrofagi sovraregolando l’espressione del recettore LDL: questo suggerisce che evolocumab attenua la progressione dell’aterosclerosi carotidea attraverso una riduzione della concentrazione sierica di colesterolo LDL e un aumento dell’efflusso di colesterolo dalle cellule schiumose cariche di lipidi.
  • Questo è il primo studio a mostrare gli effetti benefici di evolocumab sull’IMT carotideo in pazienti sottoposti a terapia con statine. Nel presente studio, l’IMT massimo carotideo al basale era di 2,5 +/-  0,7 mm e la variazione dell’IMT massimo carotideo prima dell’inizio di evolocumab era di 0,17 mm/anno. Pertanto, i pazienti nel presente studio avevano aterosclerosi carotidea avanzata ed erano ad alto rischio di malattie cardiovascolari.

Redazione Nurse Times

Fonte: PharmaStar

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Rinnovo Opi Firenze – Pistoia: il Tar dichiara inammissibile il ricorso presentato dalla lista “Ordine cambia stile”

Rinnovo degli organi direttivi dell'Opi Firenze - Pistoia: il Tar Toscana dichiara inammissibile per difetto…

10 ore ago

Infermieri: avviso di selezione urgente presso il “Riuniti” di Foggia

Avviso di selezione - Urgente per Sars-Cov 2 - per Infermieri presso l'A.O.U. "Ospedale Riuniti"…

11 ore ago

Muore un volontario del vaccino anti-Covid, ma non aveva ancora ricevuto la dose

Un volontario nella sperimentazione brasiliana del vaccino sperimentale contro il coronavirus di AstraZeneca è morto.…

14 ore ago

Superlieviti e farine di grani speciali, ecco la ricetta per il “pane della salute”

Gli ingredienti, oggetto di uno studio specifico, sono stati selezionati nei laboratori delle UniversitĂ  di…

15 ore ago

Neonata positiva al Covid abbandonata in ospedale a Palermo

Anna, sei mesi, positiva al Covid-19, sola. La donna, una rom, che l’ha portata al…

16 ore ago