Tesi infermieristica. Picc: nuove prospettive per gli accessi vascolari

Data l’inserzione periferica, il PICC è una tecnica non specificatamente medica, quindi attuabile dagli infermieri teoricamente formati e con esperienza, ciononostante, le numerose esperienze già…

Grande successo per il progetto editoriale denominato NExT (Nurse EXperimental Thesis) targato Nurse Times

Giunge al nostro indirizzo mail redazione@nursetimes.org il lavoro di tesi del dott. Salvatore Leone, laureatosi presso Università “La Sapienza” di Roma nell’A.A. 2018/2019.

 ….di Salvatore Leone

Con l’aumentata richiesta di trattamenti sanitari a lungo termine negli ultimi anni, in particolare le malattie oncologiche, in cui vengono utilizzati farmaci antiblastici, localmente tossici ed irritanti per il lume vascolare e l’incremento delle patologie croniche geriatriche, la diffusione del posizionamento di cateteri venosi centrali è in grande aumento.

Partendo da questo assunto, ho ribadito alcuni concetti che fanno del PICC, la Tecnica Gold Standard per ciò che riguarda il posizionamento di un CVC.

Innanzitutto, i benefici legati al rischio intrinseco del posizionamento, molto più bassi rispetto al CVC in succlavia, i rischi correlati al contenimento delle infezioni locali

e sistemiche, che a patto di una corretta gestione e il rispetto delle regole asettiche, è percentualmente molto basso. Tranne che per specifiche esigenze cliniche, esso può essere utilizzato in quasi tutte le pratiche sanitarie; compreso il prelievo ematico, pur salvaguardando l’aspetto estetico e la comodità per l’utente.

Infatti, al contrario del catetere in succlavia, nel PICC è possibile soddisfare attività quotidiane come ad esempio fare una doccia, con una minima attenzione e senza particolari disagi. Inoltre, ho riportato le procedure raccomandate dal CDC per la gestione e le medicazioni del presidio, che vedono comunque necessaria l’osservanza delle regole di sterilità; ma anche la disponibilità di accessori dedicati come ad esempio lo Statlock per il fissaggio cutaneo traumatico ed altri accessori senza i quali sarebbe ben difficile ottenere un buon risultato gestionale.

Data l’inserzione periferica, il PICC è una tecnica non specificatamente medica, quindi attuabile dagli infermieri teoricamente formati e con esperienza.

Ciononostante, le numerose esperienze nel territorio italiano, parlano di Team PICC, identificando una collaborazione medici/infermieri, ognuno per le proprie competenze e specificità professionali. Il team, così come avviene in altri ambiti sanitari, come ad esempio le sale operatorie, è fondamentale per il buon andamento e gestione dell’attività descritta.

Redazione Nurse Times

Allegato

Tesi “Picc: nuove prospettive per gli accessi vascolari”

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Concorso di mobilità per infermieri in Puglia: pronta la graduatoria

Finalmente la graduatoria per il concorso pugliese di mobilità per 566 infermieri è pronta La…

24 minuti ago

Apnea ostruttiva del sonno, variabilità da notte a notte

I pazienti con apnea ostruttiva del sonno possono presentare una considerevole variabilità da notte a…

34 minuti ago

Guida al buon uso del pronto soccorso

Covid-19, in ospedale in sicurezza: ecco la “guida al buon uso del pronto soccorso” dal…

51 minuti ago

Nuovi Lea. Che fine ha fatto il “Decreto Tariffe”? Approvarlo subito per rendere esigibili i nuovi diritti dei pazienti e ridurre le disuguaglianze

La scadenza fissata era febbraio 2018, ma del cosiddetto “decreto tariffe”, quello cioè che avrebbe…

1 ora ago

Concorso di mobilità per infermieri in Puglia: la Fials sollecita la pubblicazione della graduatoria

La Fials sollecita la pubblicazione della graduatoria del Concorso di mobilità per infermieri in Puglia…

2 ore ago

Eroi senza premio: infermieri senza bonus

Riceviamo e pubblichiamo l'articolo di Daniele Leone INFERMIERE Coordinatore Regionale CGIL FP Sanita Privata Abruzzo.…

2 ore ago