Test del sangue per svelare la severità del Covid-19

Abionic Sa, una società svizzera di Medtech con sede a Losanna, ha sviluppato il punteggio cSOFS, un test del sangue per svelare la severità del Covid-19.

Il punteggio cSOFA (Covid Sequential Organ Failure Assessment) misura la probabilità di deterioramento clinico nei pazienti Covid-19, consentendo il triage e l’assegnazione al reparto generale o alle unità di terapia intensiva (ICU) al momento del ricovero e durante la degenza ospedaliera dei pazienti.

Un punteggio basso – spiega Business Wire – consente di prendere decisioni mediche sulla dimissione sicura dei pazienti dall’ospedale o sul loro spostamento dall’ICU al reparto generale, liberando le necessarie capacità di terapia intensiva e ospedaliera.

Il test del sangue per svelare la severità del Covid-19 ha ottenuto l’autorizzazione alla vendita in Europa
(marchio CE) e si basa sulla PSP (proteina dei calcoli pancreatici), un nuovo biomarcatore che Abionic ha già validato e commercializzato clinicamente. La PSP si caratterizza per la sua accuratezza diagnostica nel predire la sepsi e / o la disfunzione di più organi in vari tipi di pazienti critici. I dati di oltre 150 pazienti con Covid-19 della prima ondata europea di infezioni da SARS-CoV-2 mostrano un forte legame tra la concentrazione di PSP e la degradazione di questi pazienti.

Il triage dei pazienti, fino ad ora, si è basato principalmente sull’età del paziente, un criterio a volte criticato per essere discriminatorio. Il punteggio cSOFA consente il passaggio da criteri demografici a criteri medici, tenendo conto della gravità di ciascun caso.

Il Dr. François Ventura dell’Ospedale Universitario di Ginevra (HUG) ha commentato: “I pazienti con Covid-19 possono avere un decorso clinico avverso che non è predittivo e può richiedere la gestione dell’emergenza con trasferimenti alla terapia intermedia e intensiva. Il cSOFA è un ottimo strumento per aiutare a prevedere questi possibili deterioramenti clinici e per guidare i pazienti attraverso il sistema sanitario, il che è sicuramente molto utile in questi tempi di sovraccarico del sistema sanitario”.

Per ottenere il punteggio cSOFA, è sufficiente una goccia di sangue capillare da 30 µl. Il prelievo di sangue può essere effettuato già al ricovero da una receptionist; la formazione medica non è necessaria. Entro cinque minuti, viene determinato un punteggio che serve come base per la decisione di assegnare i pazienti Covid-19 a reparti generali, unità di terapia intensiva o consentire loro di riprendersi a casa. Come risultato di questo triage, le capacità negli ospedali sono protette ei pazienti ricevono cure adeguate.

Cristiana Toscano

Leave a Comment
Share
Published by
Cristiana Toscano

Recent Posts

Asp Reggio Calabria: concorso per 77 infermieri

Con la delibera n°37 del 14/01/2021 l'ASP di Reggio Calabria indice un concorso pubblico a…

5 ore ago

Cellule staminali tumorali e resistenza alle terapie

In molti tumori identificata la presenza di cellule neoplastiche dotate di cellule staminali tumorali (Cancer…

6 ore ago

Infermiere specialista nel rischio infettivo: l’Acinetobacter baumannii

Acinetobacter baumannii e rifabutina: il farmaco per la tubercolosi uccide il superbatterio farmaco-resistente. Lo studio…

7 ore ago

Cellule cancerose vanno in letargo, così resistono alla chemioterapia

Le cellule cancerose sono in grado di ibernarsi quando una minaccia come il trattamento chemioterapico…

8 ore ago

Conseguenze del fumo nei pazienti con Crohn e colite ulcerosa

I pazienti con malattia infiammatoria cronica intestinale (IBD) che fumano sigarette o che le hanno…

9 ore ago

Il suicidio aumenta in pandemia. Chiusa la psichiatria del Fabio Perinei-Ospedale della Murgia.

La psichiatria dell'Ospedale della Murgia ha chiuso da diverse settimane per fare posto a un…

9 ore ago