Torino, impiantata per la prima volta in Italia una protesi aortica attraverso la carotide

L’intervento, a beneficio di un 53enne, è stato eseguito con il paziente sveglio e sottoposto ad anestesia locoregionale.

Eccezionale intervento chirurgico eseguito all’ospedale Molinette di Torino: per la prima volta in Italia è stata impiantata una protesi aortica attraverso la carotide. Ne ha beneficiato un uomo 53enne che da vent’anni andava in ospedale tre volte a settimana per sottoporsi a dialisi per via di una malattia congenita. Dopo tanta attesa, si è presentata la possibilità di un trapianto di rene, ma durante gli esami preliminari è stata riscontrata una grave malattia cardiaca, che non ha permesso l’inserimento in lista per il trapianto. «Un cuore molto stanco, la valvola aortica quasi chiusa e l’impossibilità di operare il paziente a cuore aperto per un rischio troppo elevato», spiegano i sanitari.

La stenosi aortica è una patologia che determina la chiusura della valvola da cui dipende il passaggio del sangue dal cuore al resto del corpo. L’unica soluzione è un intervento di sostituzione della valvola malata. Già da alcuni anni è possibile impiantare protesi attraverso le arterie della gamba con una tecnica che prende il nome di Tavi, ma i tanti anni di dialisi hanno rovinato le arterie periferiche e l’aorta del paziente in questione, rendendo impossibile l’intervento con gli accessi normalmente utilizzati. Grazie al lavoro di squadra dell’Heart Team, composto da cardiochirurghi, cardiologi, cardioanestesisti e chirurghi vascolari, è stato però possibile eseguire l’intervento passando dal collo, attraverso l’arteria carotide, con il paziente sveglio e sottoposto ad anestesia locoregionale

.

L’intervento è stato effettuato dalle equipe coordinate da Mauro Rinaldi (direttore di Cardiochirurgia universitaria) e Gaetano Maria De Ferrari (neo direttore della Cardiologia universitaria, appena arrivato dal Policlinico di Pavia) della Città della Salute. Il paziente, dopo 50 minuti di intervento, è stato subito trasferito in reparto, senza passaggio in Terapia intensiva. Dopo soli tre giorni, è stato dimesso e mandato a casa, dove può aspettare un rene nuovo. L’innovativa operazione, inventata recentemente a Lille in Francia, apre nuove strade per il trattamento delle patologie cardiache e vascolari, come confermano i sanitari: «Permetterà di curare sempre più pazienti. Infatti i risultati della Tavi trans-carotidea comportano meno ictus e meno complicanze vascolari rispetto alla tecnica tradizionale».

Redazione Nurse Times

Fonte: Il Messaggero

 

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Asp Reggio Calabria: concorso per 77 infermieri

Con la delibera n°37 del 14/01/2021 l'ASP di Reggio Calabria indice un concorso pubblico a…

6 ore ago

Cellule staminali tumorali e resistenza alle terapie

In molti tumori identificata la presenza di cellule neoplastiche dotate di cellule staminali tumorali (Cancer…

6 ore ago

Infermiere specialista nel rischio infettivo: l’Acinetobacter baumannii

Acinetobacter baumannii e rifabutina: il farmaco per la tubercolosi uccide il superbatterio farmaco-resistente. Lo studio…

7 ore ago

Cellule cancerose vanno in letargo, così resistono alla chemioterapia

Le cellule cancerose sono in grado di ibernarsi quando una minaccia come il trattamento chemioterapico…

8 ore ago

Conseguenze del fumo nei pazienti con Crohn e colite ulcerosa

I pazienti con malattia infiammatoria cronica intestinale (IBD) che fumano sigarette o che le hanno…

9 ore ago

Il suicidio aumenta in pandemia. Chiusa la psichiatria del Fabio Perinei-Ospedale della Murgia.

La psichiatria dell'Ospedale della Murgia ha chiuso da diverse settimane per fare posto a un…

10 ore ago