Toscana, riapre la graduatoria Estar in due aziende sanitarie su tre per l’assunzione di infermieri entro fine anno

Giannoni (Nursind): « Risposta positiva dell'assessorato regionale. Sul piatto anche 9 milioni di euro di fondi europei per attivare piano infermiere di famiglia e assistenza sul…

Giannoni (Nursind): « Risposta positiva dell’assessorato regionale. Sul piatto anche 9 milioni di euro di fondi europei per attivare piano infermiere di famiglia e assistenza sul territorio».

«Due Aziende sanitarie toscane su tre possono ricominciare ad assumere infermieri dalla graduatoria Estar, bloccata qualche settimana fa per indisponibilità di risorse». L’annuncio arriva da Giampaolo Giannoni, coordinatore regionale Nursind, sindacato autonomo degli infermieri, reduce da un incontro presso l’assessorato regionale.

Giampaolo Giannoni (Nursind).

«Abbiamo chiesto garanzie e ottenuto risposte positive circa le assunzioni a tempo indeterminato, che per noi restano la priorità, al di là dei contratti interinali sbandierati in questi giorni per tamponare l’emergenza delle festività natalizie», spiega Giannoni, che aggiunge: «Ad oggi solo l’Asl Toscana Centro ha esaurito il piano assunzioni, mentre le Asl Toscana Nord e Sud Est possono tornare ad attingere alla graduatoria Estar da qui alla fine dell’anno. Non solo. Abbiamo chiesto che nel piano per le assunzioni 2018 i contratti interinali attivati quest’anno vengano conteggiati nel fabbisogno ordinario. La carenza di personale, infatti, è costante da anni e non riguarda solo un periodo critico dell’anno».

Altre rassicurazioni arrivano dai fondi europei: «La Regione Toscana ci ha informato di aver destinato 9 milioni di euro di risorse comunitarie all’implementazione dell’assistenza territoriale. Il che significa che le aziende sanitarie hanno tutti gli strumenti per attivare il piano dell’infermiere di famiglia, come chiediamo da anni. Adesso auspichiamo che queste risorse siano impiegate propriamente».

Il passo successivo sarà quello di attivare un piano per l’accesso ai servizi sanitari anche in ambito scolastico, sul modello della Spagna. «L’incontro – conclude Giannoni – è stato anche l’occasione per presentare in Regione Toscana il progetto per l’infermiere nelle scuole, su cui stiamo lavorando da tempo come Nursind. Il progetto sarà oggetto di ulteriori approfondimenti con l’amministrazione regionale».

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Aurora, infermiera “Finisci il turno stremata ma non smetteresti mai di raccontare ciò che hai fatto durante la giornata”

Riprendiamo le parole di Aurora Giacometti, fiera di essere infermiera Se ripenso a qualche anno…

6 ore ago

Covid-19. Successo per Anticorpi monoclonali: lo studio

Uno degli argomenti che inspiegabilmente crea molta confusione, è sicuramente la differenza che sussiste tra…

6 ore ago

Coronavirus: quasi 49 mila studenti e professionisti sanitari si candidano per le attività di contact tracing

Un’importante risposta alla richiesta di aiuto della Protezione Civile è giunta dai professionisti della salute…

7 ore ago

Virus che non conoscono frontiere necessitano di risposte transfrontaliere

"Più che in qualsiasi altro momento della storia dell’umanità, la salute di un paese incide…

9 ore ago

Coronavirus, Regioni chiedono tamponi solo ai sintomatici

Se il Governo cerca di rilanciare il contact tracing, le Regioni chiedono di adottare nuove…

9 ore ago

Medico postivo al Covid continua a visitare e infetta un paziente: indagato

Indagato un cardiologo accusato di avere effettuato visite, nonostante fosse positivo al Covid-19 e di…

10 ore ago