Trapani, neonata rifiutata dai genitori battezzata tra medici e infermieri

La piccola, abbandonata da mamma e papà a causa della sua grave patologia genetica, è stata battezzata in reparto il 5 maggio davanti ai medici…

La piccola, abbandonata da mamma e papà a causa della sua grave patologia genetica, è stata battezzata in reparto il 5 maggio davanti ai medici e agli infermieri del reparto di Neonatologia dell’ospedale Sant’Antonio Abate.

È ricoverata da sei mesi presso il reparto di Neonatologia e Utin dell’ospedale Sant’Antonio Abate di Trapani, e… oramai, di fatto, è stata “adottata” dai medici e dagli infermieri del reparto. Perché anche chi è abituato alle nascite e ai neonati, come il personale di una Neonatologia, proprio non può passare tutto quel tempo in compagnia di un bambino… senza affezionarsi. È impossibile. Non sarebbe umano.

La protagonista di questa storia è Anna, sfortunata bimba nata con una grave patologia genetica e per questo abbandonata dai genitori presso il nosocomio isolano. Bimba che pochi giorni fa, in data 5 maggio, è stata battezzata in reparto davanti al personale emozionato e inevitabilmente coinvolto; tanti zii, mamme e papà, che per lei hanno poi dato vita a un piccolo festeggiamento.

La cerimonia è stata officiata da padre Antonio Peraino, cappellano ospedaliero, alla presenza del direttore di presidio Francesco Giurlanda che ha così dichiarato al quotidiano In Sanitas

: “Adesso, dopo il battesimo, guardandola, sembra anche più serena. Per chi crede, come me, è un fatto toccante.”

Queste, invece, sono state le parole del commissario straordinario dell’Asp, Giovanni Bavetta: “Sono questi gesti dal grande valore umano, che rendono la nostra missione unica e rifondono di tutti i sacrifici di questo mestiere. La passione e l’amore con cui tutti al reparto hanno seguito in questi mesi i soggetti più fragili che vi siano, come i neonati con gravi malattie, è la conferma come oltre alla grande professionalità abbiano anche grande umanità e solidarietà verso il prossimo.”

La piccola Anna è ora in stato di adottabilità e in attesa che i servizi sociali, su segnalazione del tribunale dei minori, le trovino una struttura dove accoglierla. Ci auspichiamo, con tutto il cuore, che anche questo piccolo angelo possa in breve tempo ricevere l’affetto di una mamma e di un papà veri.

Alessio Biondino

Fonte: In Sanitas

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Non può pagare il medico per la visita alla figlia: gli dona una catenina

Episodio di grande umanità a Napoli. Con un lieto fine: alla donna, disoccupata, vedova e…

46 minuti ago

Pec gratuite per gli iscritti di Opi Firenze-Pistoia: le scadenze

L’attivazione è già disponibile ed è a carico dell’Ordine degli infermieri di Firenze e Pistoia…

1 ora ago

Aggressione agli infermieri e danni all’ambulanza: paziente condannato a 9 mesi

L'episodio, risalente a qualche tempo fa, è accaduto a Monte San Savino, in provincia di…

2 ore ago

Opi Brindisi: richiesta revoca regolamento sull’obbligo di vaccinazione antinfluenzale degli Operatori Sanitari

L’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Brindisi con la presente chiede  alle Autorità Amministrative in indirizzo…

3 ore ago

Manifestazione infermieri al Circo Massimo, Nursing Up Trento: “Ora non ci fermiamo più”

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato a firma del coordinatore Cesare Hoffer. Siamo stanchi, demotivati, stressati…

3 ore ago

Cina, paura per un nuovo ceppo di coronavirus

Si chiama SADS-CoV. Inizialmente in grado di diffondersi solo tra i suini, ha acquisito la capacità…

3 ore ago