Tumore del colon-retto, nuova tecnologia per la diagnosi precoce messa a punto da una ricercatrice (precaria)

Noemi Bellassai, dell’Università di Catania, è stata premiata con la Medaglia Leonardo da Vinci 2020.

Una nuova tecnologia per la diagnosi precoce del tumore al colon-retto. L’ha messa a punto Noemi Bellassai (foto), assegnista di ricerca dell’Università di Catania (iper-precaria, quindi), premiata con la Medaglia Leonardo da Vinci 2020 per il suo approccio alla diagnosi sull’analisi molecolare di biomarcatori circolanti nel sangue periferico.

La tecnica utilizzata si chiama Surface Plasmon Resonance Imaging (Spri) e Bellassai l’ha utilizzata per la propria tesi di dottorato in Scienze chimiche. All’interno del progetto di ricerca Ultraplacad, guidato dal professor Giuseppe Spoto, la ricercatrice ha adoperato la biopsia liquida, una nuova metodica “non invasiva, altamente sensibile ed economicamente vantaggiosa”, per isolare e individuare frammenti di Dna di origine tumorale e altre molecole, quali per esempio proteine, microRna e cellule tumorali circolanti nel sangue, nel plasma, nel siero, nelle urine e nella saliva da campioni di pazienti con cancro sospetto o diagnosticato.

“La scoperta di mutazioni genomiche nei biomarcatori tumorali circolanti

– spiega Bellassai – ha incentivato sempre più lo sviluppo di piattaforme molecolari in grado di analizzare biomolecole d’interesse direttamente nel sangue periferico di pazienti allo stadio iniziale del tumore. Questo approccio implica una maggiore tempestività nella diagnosi della patologia, un miglioramento delle attività di controllo clinico nelle fasi post-operatorie e, dopo il trattamento terapeutico, una notevole riduzione dei costi. E può consentire di definire un nuovo modello di tecnologia di frontiera in ambito clinico”.

La Medaglia Leonardo Da Vinci, promossa dal Miur e gestito dalla Conferenza dei rettori (Crui), è un riconoscimento finalizzato a valorizzare a livello internazionale, le competenze e le capacità del capitale umano dell’alta formazione e della ricerca italiane. La tesi sulle diagnosi del colon-retto è stata premiata come unico elaborato scientifico nell’ambito della chimica in tutta Italia. Si tratta, inoltre, dell’unico riconoscimento attribuito a un candidato di un’università del Sud Italia tra i nove complessivamente assegnati.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Straordinaria vittoria dell’AADI: a Bergamo ora si pagano gli straordinari

Un’infermiera bergamasca ha chiesto alla sede centrale dell’Associazione Avvocatura Degli Infermieri se fosse giusto che…

6 ore ago

Fascicolo sanitario elettronico: nessuna scadenza per l’inserimento dei dati

In relazione alle notizie diffuse nei giorni scorsi, riguardo ad una presunta scadenza dell’11 gennaio…

6 ore ago

Fials: Oltre l’82% delle denunce Inail di contagio dei sanitari vengono da infermieri.

Ospedali inadeguati, subito messa in sicurezza Roma, 22 gen. – “Oltre l'82% delle denunce di…

6 ore ago

Il Fondo di solidarietà #NoiConGliInfermieri: cosa c’è da sapere

La Federazione nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche è stata costretta a sospendere, per una…

8 ore ago

Il test di Israele sul vaccino anti-Covid: una singola dose non basta

Israele ha vaccinato oltre un terzo della sua popolazione, record nel mondo, e sta misurando…

9 ore ago

Fisiologica al posto del vaccino COVID-19: indagano i NAS a Trento

Medici, infermieri, operatori socio sanitari. Tra le 47 persone che venerdì 15 gennaio si sono…

9 ore ago