Umanizzazione delle cure e qualità dell’assistenza: Ospedale Santa Maria migliore struttura di Puglia

Per il secondo anno consecutivo l’Ospedale di GVM Care & Research è stato premiato come migliore performance per la qualità dell’assistenza e la centralità del…

Per il secondo anno consecutivo l’Ospedale di GVM Care & Research è stato premiato come migliore performance  per la qualità dell’assistenza e la centralità del paziente

Bari, 20 settembre 2019  – Ospedale Santa Maria – Ospedale accreditato con il Servizio Sanitario Nazionale che fa parte di GVM Care & Research – è stato premiato per il secondo anno consecutivo come la struttura migliore fra gli ospedali pugliesi per l’umanizzazione delle cure, un processo in cui è il paziente è al centro di un percorso assistenziale orientato al rispetto della sua integrità morale, psicologica e sociale. E’ quanto emerso dalla “valutazione partecipata del grado di umanizzazione negli ospedali, progetto promosso a livello nazionale dall’Agenas, elaborata da AReSS Puglia (Agenziale Regionale Strategica per la Salute ed il Sociale) e presentata oggi nel corso del Forum Mediterraneo in Sanità, presso la Fiera del Levante di Bari. All’Ospedale Santa Maria è stato assegnato il punteggio di 8.8, a fronte di una media regionale di 7.3. Pertanto si conferma migliore struttura fra ospedali pubblici e privati.

Il report – condotto da Agenas – ha coinvolto ospedali pubblici e privati accreditati SSN e ha tenuto conto di cinque macro aree: Processi assistenziali e organizzativi orientati al rispetto e alla specificità della persona; Accessibilità fisica, vivibilità e comfort dei luoghi di cura; Cura della relazione con il paziente e con il cittadino; Accesso alle informazioni, semplificazione e trasparenza; Sicurezza del paziente.  I giudizi sono stati elaborati sulla base di numerosi parametri che hanno composto la checklist per la valutazione partecipata ed è stata utilizzata, come metro di valutazione, una scala di punteggi da 0 a 10.

Il risultato ottenuto da Ospedale Santa Maria è una conferma della qualità del lavoro svolto finora – dichiara Giuseppe Speziale, Vice presidente di GVM Care & Research – quest’anno Ospedale Santa Maria ha raggiunto tutti gli obiettivi prefissati nel piano di miglioramento potenziando servizi e attività che hanno riguardato la formazione a supporto del personale sanitario e amministrativo per  la relazione e la presa in carico del paziente, l’istituzione di una nuova figura – il “patient manager” che ha il compito di facilitare il percorso assistenziale del paziente negli ospedali GVM e fornire un servizio sanitario “sartoriale” e infine l’attivazione della Advanced Mobil Clinic, una clinica mobile con quattro ambulatori e una sala di attesa tramite la quale viene data la possibilità ai cittadini di sottoporsi gratuitamente a screening di prevenzione, e ricevere informazioni sulle attività di prevenzione, diagnosi e cura per la propria salute

”.

Nel piano di miglioramento particolare attenzione è stata rivolta ad attività volte a favorire la socialità e la continuità con il mondo esterno, tenendo conto della fragilità e ai bisogni della persona. Migliorato anche il comfort delle aree di attesa e di tutti gli spazi di Ospedale Santa Maria compresi i reparti che sono stati resi ancora più accoglienti per predisporre positivamente i cittadini. Inoltre sono stato diversificati i percorsi di cura e potenziata la segnaletica per organizzare percorsi di facile accessibilità. Sono state semplificate anche le modalità di prenotazione con l’estensione dell’orario Cup dalle 8 alle 20 tutti i giorni dal lunedì al venerdì e il e sabato dalle 8 alle 13.

Ogni percorso diagnostico e/o terapeutico è contraddistinto dalla attenzione alla sicurezza tanto che Ospedale Santa Maria può contare su una equipe di risk management che svolge attività quotidiana di prevenzione, in conformità con le leggi nazionali e regionali in materia di rischio clinico.

L’Ospedale si distingue infine per prestazioni mediche e servizi in favore della tutela della salute delle donne. E’ sede di Breast Unit, unità multidisciplinare dedicata alla prevenzione e alla cura del tumore al seno e si è candidato per l’edizione 2019-2021 per il riconoscimento del Bollino rosa, dall’Osservatorio nazionale Onda, già ottenuto nel 2018. Fiore all’occhiello il progetto La Forza e il Sorriso, un laboratorio di bellezza e cura dedicato alle pazienti oncologiche.

Anche per il trattamento delle patologie cardiovascolari, uno dei focus da sempre di GVM Care & Research, l’Ospedale è all’avanguardia con l’avvio della procedura “heart team” che si pone come obiettivo quello di fornire al paziente l’inquadramento più corretto e predisporre il percorso clinico terapeutico ponendo il paziente al centro di un processo decisionale.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Covid-19, muore infermiere 59enne: la terapia intensiva porterà il suo nome

È morto questa mattina a causa del Covid-19 Sergio Bonazzi, infermiere in servizio presso il…

4 ore ago

Ginecologia e resistenza agli antibiotici: l’utilità dei probiotici

In ambito ginecologico la resistenza agli antibiotici crea numerosi problemi. Gli antibiotici vengono prescritti in…

9 ore ago

Hiv e Aids, i dati Iss sulle nuove diagnosi in Italia nel 2019

Pubblicati i dati Iss sulle nuove diagnosi di infezione da HIV e dei casi di…

9 ore ago

IG-IBD – Malattie infiammatorie croniche intestinali, il bilancio del 2020

Considerevoli i ritardi diagnostici, ma aumentano le opzioni terapeutiche “Anche in caso di sintomi evidenti…

9 ore ago

ASP Cosenza: concorso pubblico per infermieri

In esecuzione della deliberazione del Commissario Straordinario dell'ASP di Cosenza n. 1193 del 25/11/2020 è…

10 ore ago

Infarto, bypass e angioplastica: dove operarsi?

I ricoveri per infarto miocardico acuto sono calati del 7,6% tra il 2012 e il…

10 ore ago