Un’immagine diventata virale: un abbraccio, un simbolo della tragedia e della profonda compassione di tutti gli operatori sanitari che fanno col cuore il loro lavoro. “Mi sono avvicinato e gli ho chiesto: perché piangi? Mi ha risposto: voglio stare con mia moglie. Così l’ho abbracciato” è il racconto dietro l’immagine.

Fa commuovere la foto di un medico con guanti e mascherina che abbraccia un paziente anziano. La foto è stata scattata giovedì 25 novembre, Giorno del Ringraziamento negli Stati Uniti, allo United Memorial Hospital di Houston, in Texas e a riportata dal corriere.it.

“Sono nell’unità Covid e vedo questo paziente anziano alzarsi dal letto, stava cercando di andarsene, piangeva”, ha riferito lunedì alla CNN il dottor Joseph Varon, capo dell’unità di terapia intensiva allo United Memorial.

Cristiana Toscano

Leave a Comment
Share
Published by
Cristiana Toscano

Recent Posts

Straordinaria vittoria dell’AADI: a Bergamo ora si pagano gli straordinari

Un’infermiera bergamasca ha chiesto alla sede centrale dell’Associazione Avvocatura Degli Infermieri se fosse giusto che…

15 ore ago

Fascicolo sanitario elettronico: nessuna scadenza per l’inserimento dei dati

In relazione alle notizie diffuse nei giorni scorsi, riguardo ad una presunta scadenza dell’11 gennaio…

15 ore ago

Fials: Oltre l’82% delle denunce Inail di contagio dei sanitari vengono da infermieri.

Ospedali inadeguati, subito messa in sicurezza Roma, 22 gen. – “Oltre l'82% delle denunce di…

15 ore ago

Il Fondo di solidarietĂ  #NoiConGliInfermieri: cosa c’è da sapere

La Federazione nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche è stata costretta a sospendere, per una…

17 ore ago

Il test di Israele sul vaccino anti-Covid: una singola dose non basta

Israele ha vaccinato oltre un terzo della sua popolazione, record nel mondo, e sta misurando…

18 ore ago

Fisiologica al posto del vaccino COVID-19: indagano i NAS a Trento

Medici, infermieri, operatori socio sanitari. Tra le 47 persone che venerdì 15 gennaio si sono…

19 ore ago