Vaccini contro il Coronavirus: AstraZeneca, Pfizer, Moderna

II vaccini contro il coronavirus in fase di sviluppo stanno registrando diverse percentuali di efficacia. Il vaccino di Oxford-Pomezia sviluppato da AstraZeneca ha annunciato che il suo vaccino risulta efficace al 70%. Una percentuale inferiore a quelle di Pfizer e Moderna. La prima, infati è del 95%, mentre la seconda del 94,5%.

La speigazione dell’efficacia al 70% di Astra Zeneca starebbe nei tempi e nelle dosi di somministrazione. In particolare, nella sperimentazione sono stati coinvolti più di 20 mila volontari, metà nel Regno Unito, il resto in Brasile. Si sono registrati – spiega corriere.it – 30 casi di Covid tra persone che avevano ricevuto due dosi di vaccino e 101 tra chi aveva invece ricevuto un placebo. Quando ai volontari sono state somministrate due dosi intere la protezione è stata del 62%

mentre una mezza dose, seguita da una dose intera ha portato a una protezione del 90%. L’analisi combinata di entrambi i dosaggi ha portato a un’efficacia media del 70%.

La protezione inizia non prima di due settimane dall’inoculo della seconda dose (un mese dopo la prima). Inoltre, non sono stati individuati eventi avversi gravi legati al vaccino e il siero è stato ben tollerato in entrambi i regimi di dosaggio anche dalla popolazione anziana. Dai primi dati comunicati dall’azienda farmaceutica e non ancora pubblicati sulle riviste scientifiche emerge dunque che il regime ottimale di somministrazione è dunque mezza dose con un richiamo a dose completa dopo un mese. L’azienda ha annunciato che sarà questa la formulazione messa in commercio.

Cristiana Toscano

Leave a Comment
Share
Published by
Cristiana Toscano

Recent Posts

Asp Reggio Calabria: concorso per 77 infermieri

Con la delibera n°37 del 14/01/2021 l'ASP di Reggio Calabria indice un concorso pubblico a…

6 ore ago

Cellule staminali tumorali e resistenza alle terapie

In molti tumori identificata la presenza di cellule neoplastiche dotate di cellule staminali tumorali (Cancer…

7 ore ago

Infermiere specialista nel rischio infettivo: l’Acinetobacter baumannii

Acinetobacter baumannii e rifabutina: il farmaco per la tubercolosi uccide il superbatterio farmaco-resistente. Lo studio…

8 ore ago

Cellule cancerose vanno in letargo, così resistono alla chemioterapia

Le cellule cancerose sono in grado di ibernarsi quando una minaccia come il trattamento chemioterapico…

9 ore ago

Conseguenze del fumo nei pazienti con Crohn e colite ulcerosa

I pazienti con malattia infiammatoria cronica intestinale (IBD) che fumano sigarette o che le hanno…

10 ore ago

Il suicidio aumenta in pandemia. Chiusa la psichiatria del Fabio Perinei-Ospedale della Murgia.

La psichiatria dell'Ospedale della Murgia ha chiuso da diverse settimane per fare posto a un…

10 ore ago