Vaccini, Di Maio “Il nuovo anno inizierà in regime di decreto Lorenzin”

"Il nuovo anno inizierà in regime di decreto Lorenzin", ha spiegato ieri Di Maio. In pratica senza certificato vaccinale niente iscrizione.

Dietrofront del governo sulla questione vaccini e scuola? Così sembra dalle dichiarazioni rilasciate ieri in un’intervista dal vicepremier Di Maio

Il vicepremier Di Maio boccia la circolare firmata nelle settimane scorse dai ministri Grillo e Bussetti, che consente l’iscrizione per quest’anno anche solo con l’autocertificazione. “Il nuovo anno inizierà in regime di decreto Lorenzin”, ha spiegato ieri Di Maio. In pratica senza certificato vaccinale niente iscrizione.

Senza il certificato vaccinale i bambini da zero e sei anni non potranno entrare al nido o alla materna. A dirlo non è l’ennesima circolare o i presidi delle scuole che ancora ieri lo hanno ribadito.

Il nuovo anno scolastico partirà dunque con la norme della legge Lorenzin. Lo avevano detto con forza i presidi e ieri lo ha chiarito anche Luigi Di Maio in una intervista al Corriere della Sera in cui spiega che in attesa che vengano approvate nuove norme con forza di legge (in cantiere c’è l’emendamento al decreto Milleproroghe che rinvia l’obbligo vaccinale ma che deve essere ancora approvato a settembre in via definitiva ma anche la proposta di Legge m5S-Lega per l’obbligo flessibile) i bambini potranno entrare in classe solo se in regola con i certificati vaccinali. Di Maio ha però ribadito “Il M5S è diviso? Voglio mettere a tacere qualche idea malsana contro i vaccini. Da quando sono capo politico non siamo mai stati contro, vogliamo che si facciano. Non vediamo di buon occhio legare l’obbligo alla frequenza scolastica, invece che introdurlo quando c’è rischio di epidemie”

.

Anche i presidi ieri sono tornati a ribadire il principio dell’obbligatorietà previsto per legge invitando i genitori a vaccinare i propri figli.

La situazione al momento sembra però ancora allo stallo – almeno dal punto di vista formale – e gli uffici tecnici stanno continuando a lavorare per cercare di trovare una soluzione interpretativa tra i due dicasteri Salute e Miur (sotto la lente le norme della legge Lorenzin sull’obbligo e la circolare Grillo-Bussetti sull’autocertificazione).

Per cui ricordiamo ai genitori che secondo quanto prevede la legge Lorenzin che se i genitori non vaccinano i figli, tra zero e sei anni, non possono accedere a nidi e materne fino ad avvenuta vaccinazione o presentazione della prenotazione presso l’Asl. Mentre da sei a sedici anni possono accedere a scuola ma rischiano multe da 100 a 500 euro.

 

Redazione NurseTimes

Marianna Di Benedetto

Leave a Comment
Share
Published by
Marianna Di Benedetto

Recent Posts

Covid-19, muore infermiere 59enne: la terapia intensiva porterà il suo nome

È morto questa mattina a causa del Covid-19 Sergio Bonazzi, infermiere in servizio presso il…

19 minuti ago

Ginecologia e resistenza agli antibiotici: l’utilità dei probiotici

In ambito ginecologico la resistenza agli antibiotici crea numerosi problemi. Gli antibiotici vengono prescritti in…

5 ore ago

Hiv e Aids, i dati Iss sulle nuove diagnosi in Italia nel 2019

Pubblicati i dati Iss sulle nuove diagnosi di infezione da HIV e dei casi di…

6 ore ago

IG-IBD – Malattie infiammatorie croniche intestinali, il bilancio del 2020

Considerevoli i ritardi diagnostici, ma aumentano le opzioni terapeutiche “Anche in caso di sintomi evidenti…

6 ore ago

ASP Cosenza: concorso pubblico per infermieri

In esecuzione della deliberazione del Commissario Straordinario dell'ASP di Cosenza n. 1193 del 25/11/2020 è…

7 ore ago

Infarto, bypass e angioplastica: dove operarsi?

I ricoveri per infarto miocardico acuto sono calati del 7,6% tra il 2012 e il…

7 ore ago