Mangiacavalli: “Modificare norma che non consente agli infermieri di esercitare in altre attività”

Le strutture sanitarie sono rischiano quotidianamente il collasso. Una situazione drammatica in tempi di emergenza da coronavirus che è però frutto di anni di tagli alla sanità. A pagharne in prima persona gli infermieri. In un mese si sono contagiati in 27.000 professionisti nella Sanità.

“Gli infermieri sono a rischio perché sono anche la componete più vicina al paziente 24 ore su 24. A questo, però, va aggiunto il fatto che molti colleghi stanno compiendo turni in maniera eccessiva e senza recupero psicofisico, in queste condizioni di stress basta un attimo di distrazione per contagiarsi” dice Barbara Mangiacavalli, presidente della Federazione Nazionale Ordini Professioni Infermieristiche rispondendo alle domande di TgCom24.

Adesso, la carenza del personale si fa sentire in maneira prepotente. Serve un piano straordinario di assunzione medici infermieri? “Il problema di oggi, – risponde Mangiacavalli, – affonda le radici nel passato: errori di programazzione nella formazione, di valutazione e tagli sul personale. Le persone che hanno lasciato il servizio negli anni si sono portati via anche le loro competenze, che non hanno potuto passare ai più giovani”.

Come risolvere la situazione a lungo termine? Secondo la presidente Fnopi, bisognerebbe avere una visione che punti non solo ad un orizzonte di efficenza economica, ma anche e soprattutto al come tutelare al meglio la salute dei cittadini.

Nell’immediato, però, tamponare è necessario. “Oggi non ci sono infermieri sul mercato – spiga Mangiacavalli – molti colleghi hanno deciso di andare a lavorare all’estero dove è garantito uno sviluppo di carriera e un riconoscimento delle competenze che in Italia manca. E, quindi, bisogna far tornare accessibile la professione infermieristica. Oggi chi si laurea a novembre sarà inserita nel sistema, ma non sarà sufficiente a colmare il vuoto che si è creato. Come Federazione, ovviamente, rigettiamo le ipotesi di utilizzo degli studenti, sia perché sono persone anora in formazione, sia per una questione di sicurezza nei confronti delgi assistiti. Non è una strada percorribile nemmeno attribuire funzioni infermieristiche ad altri professionisti“.

“Credo si tratti di riflettere su una revisione dei modelli organizzativi andando a definire le priorità da garantire e ragionare su una modifca di alcuni aspetti normativi che non consentono agli infermieri di esercitare oltre il loro orario in altre attività” conclude Barbara Mangiacavalli.

Cristiana Toscano

Leave a Comment
Share
Published by
Cristiana Toscano

Recent Posts

Chiuso il caso dell’ex assessore Venturi sulle ambulanze di soli infermieri

Conciliazione tra le parti e transazione. Si chiude così il conflitto tra l'Ordine dei medici…

9 ore ago

L’impatto sulla salute degli infermieri dei turni di 12 ore

Un recente studio è stato condotto per analizzare l'impatto che ha sulla salute mentale degli…

10 ore ago

A chi spetta l’obbligo di iscrizione all’albo infermieri

L’obbligo di iscrizione all’albo infermieri è a carico del datore di lavoro, presso le cui strutture il…

11 ore ago

L’ordine degli infermieri di Napoli diffida l’università Vanvitelli

L’Ordine delle professioni infermieristiche di Napoli ha diffidato formalmente l’Università degli Studi della Campania “Luigi…

11 ore ago

Infermiera vince la causa dopo essersi rifiutata di vaccinarsi contro l’influenza

Si torna a parlare dell'infermiera siciliana si è rifiutata di vaccinarsi contro l’influenza, come stabilito…

12 ore ago