“L’infermiere è una specie di angelo custode, nell’ambito di un ospedale, questo lo posso dire per aver vissuto le varie operazioni che ha avuto mia madre e quindi capisco che è un elemento indispensabile; è la cura nella cura. Ho avuto un esperienza straordinaria, il 99% dei casi è gente eccezionale, che si immerge totalmente nella malattia dell’operato o dell’operando agendo in maniera appropriata” sono le parole di una persona conosciuta a livello internazionale come Al Bano, nome d’arte di Albano Carrisi, un cantante, attore e imprenditore vinicolo pugliese di Cellino San Marco.

Secondo il noto cantante, avere più cultura è fondamentale per affrontare le cose della vita, ed un infermiere si sostituisce molto spesso anche al medico o al professore, ricordando che c’è gente preparata e colta per questo tipo di lavoro dove si rischia di brutto. Di casi di malasanità ce ne sono stati veramente tanti.

“Il valore della musica è una grande medicina, ma questo non sono io a dirlo, sono i dati. Se un paziente sta per uscire fuori dalla malattia penso che “Felicità” sia la canzone che più lo rappresenta, mentre nella malattia e nella speranza va bene “Nel sole”, un bel disco emoziona bene”.

Al Bano conclude l’intervista lanciando un saluto agli infermieri italiani: “Faccio un augurio a tutti gli infermieri e a tutte le persone che ne hanno bisogno, e come si suol dire è l’unione umana che fa la forza umana, e questo non dovrebbe mai mancare”.

Savino Petruzzelli