Infermiere specialista. Vescica neurologica: cause, diagnosi e sintomatologia

LA Diagnosi si esegue avvalendosi di diagnostica per immagini, test urodinamici oppure cistoscopia.

La Vescica è un organo impari, cavo e situato in regione mediana del bacino che ha funzione di raccolta dell’urina proveniente dai reni e di espellerla mediante contrazione all’esterno

La sua funzione è garantita, principalmente ma non esclusivamente, da muscolatura liscia e dalla contrazione del muscolo detrusore.

L’innervazione è garantita dai nervi ipogastrici (sistema simpatico), dalle fibre sensitive e motorie provenienti da nervi pelvici indispensabili per lo stiramento delle pareti vescicali e contrazione del muscolo detrusore; e dai nervi pudendi che innervano lo sfintere esterno e la muscolatura scheletrica che lo costituisce.

Dicesi vescica neurologica  un disturbo che ha alterazione patologica dei numerosi meccanismi fisiologici che governano le fasi di riempimento e di svuotamento della vescica.

La disfunzione vescicale che si instaura potrebbe dare, in termini di tensione muscolare dell’organo, uno stato di flaccidità o spasticità della stessa: in tal caso il danno potrebbe essere di tipo neurologico.

Quando la vescica neurologica è ipotonica, e quindi flaccida, ha contrazioni assenti e bassissima pressione intra-vescicale. I sintomi sono principalmente pollachiuria, nicturia.

Nella vescica spastica, a differenza della precedente , il volume è solitamente normale o ridotto e sono presenti contrazioni involontarie. Entrambi i quadri di vescica flaccida e spastica possono coesistere

Ictus cerebri e lesioni spinali a livello L1, L2, S2,S3,S4 in associazione (o meno) a neuropatie periferiche acquisite (diabete) o iatrogene (chirugia addomino/pelvica pregressa) sono alcune delle cause di vescica neurologica

.

 

La sintomatologia che si associa, quindi, è varia ed è anche funzionale a sovrapposizione di altre condizioni patologiche: il ristagno di urina in una vescica non funzionale può esporre ad infezioni delle vie urinarie. Inoltre il deficit neurologico potrebbe abolire il riflesso urinari e quindi creare una situazione di incontinenza da sovrariempimento.

LA Diagnosi si esegue avvalendosi di diagnostica per immagini, test urodinamici oppure cistoscopia.

L’ostruzione della vescica (p.es., a causa di iperplasia prostatica benigna, cancro alla prostata, occlusione fecale, stenosi uretrali) coesiste spesso e può esacerbare i sintomi.

Quadri clinici misti possono essere causati da molte patologie, tra cui sifilide, diabete mellito, neoplasie cerebrali o del midollo spinale, ictus, rottura del disco intervertebrale e malattie demielinizzanti o degenerative (p.es., sclerosi multipla, sclerosi laterale amiotrofica).

Il trattamento prevede l’impego di farmaci (anticolinergici), cateterismo per stimolare la minzione o la chirurgia come ultima opzione nel caso in cui i tentativi di consevazione dell’organo non siano efficaci.

Il danneggiamento renale non è da escludere a casusa del possibile reflusso vescico-ureterale, che potrebbe causare un quadro di insufficienza renale acuta.

 

CALABRESE Michele

 

Fonte:

www.msdmanuals.com

www.medicinapertutti.it

Michele Calabrese

Infermiere Magistrale in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche, docente a corsi di formazione rivolti a personale sanitario e laico, in regime residenziale e non. Responsabile Scientifico, Moderatore e/o Relatore ad eventi, seminari e congressi. Infermiere presso P.T.S. 118 "Basilicata Soccorso", postazione INDIA. Revisore dei Conti e componente di Commissioni esterne Ordine delle Professioni Infermieristiche Barletta-Andria-Trani (O.P.I. BAT). Presidente Associazione Provinciale C.N.A.I. BAT (Consociazione Nazionale Associazioni Infermiere/i della BAT). Formatore O.S.S. ai sensi del DLgsR Puglia. Docente a contratto

Leave a Comment
Share
Published by
Michele Calabrese

Recent Posts

Riconoscimento precoce dell’aggravamento del paziente pediatrico: PEWS

Il riconoscimento precoce dell’aggravamento del paziente pediatrico è un obiettivo fondamentale dell’assistenza in pediatria. Vari…

5 minuti ago

Sanità Emilia Romagna. Al via la mobilitazione nelle aziende del SSR contro il calo del salario

Raccolta firme Emilia Romagna. Al via la mobilitazione nelle aziende del SSR contro il  calo…

2 ore ago

Una storia molto triste, testimonianze di infermieri

"A casa sarei peggiorata fino a morire, lo so che non vedrò più mio marito…

3 ore ago

Risonanza magnetica cardiaca in piena attività anche in emergenza Covid

Malgrado la paura generale a recarsi in ospedale per effettuare gli esami di routine, in…

4 ore ago

Torino, trapianto di fegato salva la vita a bimba di tre anni: la donatrice (vivente) è la mamma

La piccola, affetta da una rara malattia congenita del fegato, è stata operata all’ospedale Molinette…

6 ore ago