Risonanza Magnetica e Ictus: diagnostica precoce nell’ infarto cerebrale

Secondo i dati riportati dall'Associazione per la Lotta all'Ictus Cerebrale (ALICE), in Italia sono più di 700.000 le persone colpite da questa patologia.

Secondo i dati riportati dall’Associazione per la Lotta all’Ictus Cerebrale (ALICE), in Italia sono più di 700.000 le persone colpite da questa patologia.

L’uso della risonanza magnetica con immagini pesata in diffusione (DWI) può identificare infarti nel 30%-50% dei pazienti con TIA (Attacco Ischemico Transitorio).

Le attuali linee guida dell’American Stroke Association raccomandano la RM con imaging pesato in diffusione (MRI with diffusion-weighted imaging, MRI-DWI) per i pazienti colpiti da TIA/ictus minore.

Nello studio, finanziato dal Department of Veterans Affairs, Health Services Research & Development Service, Stroke Quality Enhancement Research Initiative, è stata valutata la frequenza di utilizzo della risonanza magnetica e predittori di prestazioni MRI.

Arruolati 7.889 pazienti colpiti da TIA/ictus minore e  analizzati per l’utilizzo della diagnostica per immagini entro 2 giorni dalla presentazione.
i risultati sono stati che:

  • 84,9% dei pazienti è stato sottoposto a TAC o a RM;
  • il 50,7% dei pazienti è stato sottoposto a RM entro 2 giorni dalla presentazione insulto ischemico.

La risonanza magnetica (RM) è oggi l’esame radiologico più importante in neurologia.

Visualizzare un disturbo cerebrale ancora reversibile (RM a diffusione) o visualizzare un deficit di perfusione (RM a perfusione) può essere indicativo per la scelta di adottare come strategia terapeutica la somministrazione precoce di terapia trombolitica.

L’eziologia dei TIA così come quella dell’ictus cerebrale è variabile; le cause più comuni sono la genesi cardioembolica, la patologia dei piccoli vasi intracranici l’aterosclerosi dei grossi vasi extracranici, e in misura minore dei vasi intracranici,. Altre cause meno comuni possono essere le vasculopatie infiammatorie croniche (ad es.: LES, artrite reumatoide, sarcoidosi), TIA in pazienti emicranici o in pazienti portatori di disordini ematologici o neoplasie.

Quindi in definitiva ad una risonanza magnetica (RM) l’infarto determina un segnale di intensità aumentata in T2 e se all’esame strumentale viene associato un attento esame clinico ed anamnestico si abbattono drasticamente le percentuali di un aggravio clinico o di un postumo insulto cerebrovascolare.

 

CALABRESE Michele

Fonte:

Michele Calabrese

Infermiere Magistrale in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche, docente a corsi di formazione rivolti a personale sanitario e laico, in regime residenziale e non. Responsabile Scientifico, Moderatore e/o Relatore ad eventi, seminari e congressi. Infermiere presso P.T.S. 118 "Basilicata Soccorso", postazione INDIA. Revisore dei Conti e componente di Commissioni esterne Ordine delle Professioni Infermieristiche Barletta-Andria-Trani (O.P.I. BAT). Presidente Associazione Provinciale C.N.A.I. BAT (Consociazione Nazionale Associazioni Infermiere/i della BAT). Formatore O.S.S. ai sensi del DLgsR Puglia. Docente a contratto

Leave a Comment
Share
Published by
Michele Calabrese

Recent Posts

FIALS, indicazioni in tema di obblighi vaccinali per gli operatori sanitari

Pubblichiamo la nota FIALS Puglia in riferimento alle ultime “Indicazioni in tema di obblighi vaccinali…

2 ore ago

SIMG su Covid19 – Medici di famiglia al servizio del Paese.

Cricelli: “Prevale forte il nostro senso del dovere, ma nessun medico di medicina generale sia…

2 ore ago

Quarantena è part-time per medici e infermieri in Lombardia

Per i professionisti della sanità in Lombardia la quarantena è part-time o "a scacchiera". In…

3 ore ago

I Supereroi lasciamoli ai cartoni animati

"Oggi dopo 11 anni di professione ho scelto di lavorare al reparto Covid dell'ospedale San…

3 ore ago

FIALS, la mobilità è un diritto

Pubblichiamo la nota di FIALS Puglia riguardante la graduatoria relativa alla procedura aggregata regionale di…

3 ore ago

“Io, Covid positivo, speriamo che me la cavo”

Riceviamo e pubblichiamo le riflessioni di Antonio Savino, dottore in Scienze infermieristiche dell'Aorn Caserta -…

7 ore ago